Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

ROCCO DIFONZO, CHEF GIOIESE, VINCE CONCORSO NAZIONALE

rocco-di-fonzo-premiazione

rocco difonzo Grazie allo studente Rocco Difonzo, 17enne gioiese, l'IISS Consoli Pinto di Castellana Grotte si è classificato al primo posto nel Concorso Nazionale di enogastronomia "Gargano terra antica tra sacro e profano", Memorial Filippo Tranasi, svoltosi nei giorni 5 - 6 e 7 aprile presso l'IPSSAR "E. Mattei" di Vieste. Rocco, la speranza chef gioiese, si è classificato al primo posto tra le 12 scuole italiane partecipanti con il suo piatto a base di orecchiette di grano arso, ragù d'agnello e seppia su passata di fave bianche di carpino, finocchietto e crema di cacio ricotta garganica. Un piatto che ha deliziato il palato dei componenti la giuria al punto da sceglierlo come il miglior primo in assoluto.

Una vittoria più che meritata per il futuro chef gioiese, ormai non più in erba, che ha scelto la nostra redazione per comunicare tutta la sua gioia.

“Dopo aver parlato con gli altri partecipanti non mi aspettavo di vincere visto che tutti i concorrenti si erano presentati con la stessa mia voglia di far bene e di ottenere il massimo risultato. Ho capito fin da subito che dovevo dare il massimo per batterli. Fortunatamente ci sono riuscito, per merito devo essere sincero, della mia innata passione per la cucina. Non per nulla il mio sogno, fin da quando avevo sei anni, è stato ed è quello di diventare un grande chef. Un sogno che piano piano si sta avverando grazie ancprimo piatto rocco difonzohe alla preparazione dei miei professori che continuano a spronarmi, a consigliarmi per dare sempre il massimo. Anche in questo contesto, insieme ai miei amici, mi hanno incoraggiato fin dall’inizio. Una fiducia che sono stato felicissimo di ricambiare con la conquista del primo posto. Se sono qui a festeggiare la conquista di un ambito e inaspettato premio, è merito anche loro. Questa vittoria la dedico a loro e ai miei genitori che ringrazio per i tanti sacrifici che stanno facendo per “incoraggiare” questa mia passione. Tutti loro sono fieri di me e non potrei ripagarli diversamente, se non applicandomi al massimo in questa specializzazione che mi appassiona e mi sprona giorno dopo giorno a dare di più e a fare sempre meglio”.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI