Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

PAOLO COVELLA. “28 MARZO 1947 GIOIA BRUCIA”. 70 ANNI DOPO

gioia-brucia

copertina-gioia-brucia“Questo nuovo lavoro che Paolo Covella ha dedicato al passaggio dalla monarchia alla Repubblica nel Comune di Gioia del Colle, si aggiunge alle sue precedenti quattro pubblicazioni che, a partire dal 2002, hanno inteso ricostruire la storia politica e sociale della città.

Il libro “28 marzo 1947 Gioia brucia”, descrive la difficile transizione dal fascismo alla democrazia, che alla metà degli anni 40, si intrecciò con la durezza delle lotte sociali per il pane e per il lavoro.

Il tentativo di incendiare la Camera del Lavoro e la reazione popolare che ne seguì con l’incendio di molti uffici ed associazioni e con l’uccisione di un sospettato, vengono descritti con particolare realismo.

Le vicende riguardanti la nascita del comune democratico, la formazione dei partiti e i conflitti sociali spesso sanguinosi, riproducono inoltre un affresco avvincente delle condizioni di Gioia durante e dopo la guerra.

Mentre al Nord imperversava la resistenza al nazifascismo, le popolazioni meridionali vivevano il drammatico problema della fame e del lavoro.

Il libro documenta il trasformismo delle classi dirigenti, le efferatezze del regime badogliano non meno pesanti di quelle del precedente regime fascista, il fenomeno del qualunquismo e quello dello scelbismo che tante persecuzioni arrecò soprattutto al mondo del lavoro.

Il libro si chiude con la descrizione dei primi movimenti migratori verso il nord Italia e verso i Paesi europei, che funzionò come ammortizzatore dei vari conflitti sociali esistenti e diede avvio a quello che iniziò a chiamarsi “il miracolo economico”.

(Paolo Covella: “28 marzo 1947 - Gioia brucia. Dalla monarchia alla Repubblica 1943-1957”

Suma editore, pag. 127)

Il volume sarà presentato martedì 28 marzo alle ore 18,30 nella Sala De Deo del Municipio di Gioia del Colle.

Interverranno: il Dott. Donato Lucilla, Sindaco di Gioia; il Prof. Vito Antonio Leuzzi, Direttore dell’Ipsaic di Bari; la Prof. Piera De Giorgi, Docente IISS “R. Canudo”; Giuseppe Gesmundo, Seg. Gen. Cgil Puglia”.

L’Editore

gioia-brucia

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI