TEATRO ROSSINI E “AMLETO”. LA CONFERMA DI UN SUCCESSO-foto

amleto al rossini

amleto al rossini Sul palcoscenico del teatro comunale Rossini, giovedì 9 febbraio, la modernità del dramma shakespeariano, l’Amleto, messo in scena dalla Compagnia Molière con l’adattamento e la regia di Daniele Pecci.

La nota sinossi mette al centro il principe di Danimarca – il cui nome dà il titolo alla tragedia stessa –, personaggio incerto ed inane. Amleto pone con forza la questione della ricerca delle ragioni del proprio agire in un mondo svuotato da ogni significato. Daniele Pecci interpreta con intensità la follia di Amleto, originata dalla scoperta dell’orrore che si nasconde al di sotto della apparente normalità della vita quotidiana della sua famiglia. Amleto è un eroe del tutto nuovo: la sua personalità è contraddistinta da una tendenza ad allontanarsi da un mondo in cui non c’è possibilità di mantenere intatta la propria integrità psichica e morale. L’azione vendicatrice di Amleto non è vincente, perché niente può essere consolatorio dinanzi al danno ricevuto, dinanzi ad un mondo ingiusto. La follia del principe di Danimarca, generata dalla violenza e dal tradimento, non sfugge alla damleto al rossiniistruzione – e questo è un dato di assoluta modernità – che travolge sia i carnefici sia le vittime.

L’Amleto rappresenta così, per la stagione di prosa 2016-2017 – Promozione di un sogno, Il fiore dei Tigli, Atto III – del teatro comunale Rossini, la conferma di un successo. L’Amleto risulta essere un dramma capace di parlare al sentire contemporaneo, e in merito è lo stesso Daniele Pecci che, nella sua nota alla regia, afferma: “Meglio di chiunque altro, e soprattutto per primo, Shakespeare è riuscito a raccontare le infinite contraddizioni dell’essere umano, di fronte all’impegno che questo deve assumersi per poter anche semplicemente stare al mondo […]. In questo senso per me, è il testo più moderno, più urgente, e come tale mi sprona più di ogni altro alla sua rappresentazione, anche in veste registica. Il mio impegno è quello di proporre al pubblico contemporaneo, uno spettacolo contemporaneo[…]. Elemento nodale, è ovvamleto al rossiniiamente il testo: traduzione e adattamento. Leggermente tagliato (durerebbe altrimenti più di quattro ore) ma fedele, non alterato, e con una traduzione atta a esaltarne tutte le possibilità poetiche, ma in una prosa semplice, scorrevole, di facile comprensione, e con una messa in scena e una recitazione che si propongono di essere vicine al nostro mondo, senza simbolismi e sovrastrutture che si frappongano fra i 14 attori sul palcoscenico ed il pubblico”.

Infine per quanto concerne la stagione prosastica sono da segnalare dei cambiamenti sulle date: lo spettacolo Kemp Dances con Lindsay Kemp, inizialmente previsto per il 23 febbraio, è stato posticipato a venerdì 10 marzo. Lo spettacolo Romeo e Giulietta si terrà martedì 21 marzo. Lo spettacolo Storie di Claudia con Claudia Gerini, inizialmente previsto per il 1 marzo, è stato posticipato a domenica 30 aprile.

Per informazioni: apertura botteghino martedì e giovedì ore 18.00 - 20.00 tel. 080.3484453 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.teatrorossinigioia.it. [foto Mimmo Castellaneta]