Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

“PRENDITI A CUORE”. CONCERTO PER POLIAMBULATORIO ROTARY-foto

concerto per poliambulatorio rotary

concerto per poliambulatorio rotary Dal 1905, anno della sua fondazione, il Rotary si presenta sulla scena mondiale come garante di un service. Ancora oggi dopo un secolo, si pone al servizio della comunità dando l'opportunità di nuove fonti di utilità per la stessa. Mercoledì 14 dicembre, il Rotary, con il contributo di un concerto di beneficenza, ha avviato un ambizioso service: “Prenditi a cuore” che ha un fine di grande valenza sociale: la creazione di un poliambulatorio, idea suggerita dal Centro di Ascolto che nei mesi scorsi avviando screening ha potuto tastare il polso ai bisogni sanitari delle fasce più deboli della comunità.

"Siamo tutti un po' soli… anche i più benestanti. E tutti abbiamo bisogno di cure per la nostra salute e soffriamo non solo per le malattie, ma anche per solitudine e carenze affettive, mali di cui sono afflitti non solo i poveri…" afferma il presidente Rotary Gioia - Acquaviva, Marcello Gisotti prima di illustrare il progetto nella sua interezza. Il poliambulatorio sarà ospitato nella sede del Centro di Ascolto in via Sannazzaro e accoglierà anche pazientconcerto per poliambulatorio rotaryi di Santeramo e Sammichele. 

Coordinatore del progetto sarà il dottore Marzio Pastore, socio rotariano, con il validissimo supporto del dottor D’Addabbo, anche lui socio rotariano e di molti specialisti, associati e non, che si sono dichiarati disponibili a collaborare: Gianni Losurdo, Giuseppe Nettis, Mariangela Orlando, Angelo Santorelli, Giuseppe Galgano, Nicola Tanzi, Daniela Lanzone, Franco Mastroianni, Monica Modugno, Antonietta Monte, Angela Turchiano, Eleanna Pizzini e Berardo Jacobellis, una task force di esperti e generosi professionisti specializzata per far fronte a qualsiasi problema di salute.

Ad inaugurare l'evento, anche il Rotaract appena costituitosi dei più giovani. "Siamo la nuova linfa vitale…", proclama il presidente Rotaract Antonio De Cataldo. Tra i giovani anche i gioiesi: Miriam Romano, Giovanni Donvito, Giuseppe Tinella, Marilena Falcone, Antonio Cantore e Domenica Gisotti. Due sono le nuovi classi, i più piccoli Interact, ancora minorenni e i giovani Rotaract,concerto per poliambulatorio rotary dai 18 ai 30 anni. Li presenta la professoressa Claudia Perrone, che in loro vede la continuità delle progettazioni umanitarie cui è chiamato il Rotary Club. Sono in quindici e costituiranno un prezioso avanposto per l’associazione.

In merito alle iniziative progettate per i giovani il dottor Gisotti ha accennato ad un service un service che partirà nel 2017, una palestra per giovani imprenditori, per aiutarli a comprendere l’evoluzione dell’economia in partenariato con la Lum Jean Monnet, la Spegea ed il Comune di Gioia.

Quindi ha ringraziato tutti i presenti ed in particolare i maestri Palmisano e Scarpati, i rotariani Antonia Albenzio, Beppe Liddo, Pino Netti, Margherita Pugliese, Giuseppe Gallo e Aldo Losito, le autorità presenti: il sindaco Donato Lucilla, l’assessore alle Culture Anna Maria Longo, il presidente del Consiglio Pierluigi Mancino ed il comandante dell’aeroporto militconcerto per poliambulatorio rotaryare di Gioia, Col. Pil. Bruno Levati e gli sponsor: l’impresa D’Onghia di Mottola, Dolci Momenti, e la pizzeria Marabù.

"Ciò che ho amato di più della serata sono i giovani. Fondamentali nel loro piccolo essere, perché non seguono un credo, ma un'ideologia" aggiunge Rosanna D'Aprile, presidentessa del Centro d'Ascolto. E la presenza giovanile è stata davvero la colonna portante della serata, perché la loro presenza risuonava al pari della musica nell'atmosfera teatrale. Ad esibirsi è la Junior Band, l'orchestra Conservatorio “N. Piccinni” diretta dal M° Donato Semeraro, formata da 45 elementi, ha vinto il 1° premio assoluto al festival internazionale di ”Ziota Lira” di Rybnik, in Polonia.

"Ciò che voglio fare stasera - afferma Semeraro - è non farvi vivere l'orchestra alla quale siete abituati di solito, ma l'atmosfera ricreata nella storia dalle bande da giro, l'idea di musica che racconta". 

Il repertorio ampio e variegato ha permesso al pubblico di apprezzare la bravura dei musicisti e l’intconcerto per poliambulatorio rotaryera gamma di sfumature armoniche attraverso il canto gregoriano e mediovale, alle musiche di Rota ed anche un brano scritto dal M° Semeraro.

E come in una magia, "orchestra" diviene sinonimo di uniforme, di corporeità. "È l'effetto della musica descrittiva." Spiega il direttore. Che non solo dirige la musica, ma uno spettacolo teatrale, scenico della sua arte. Un'arte che prende più forme. Non si ferma all'ascolto. È come se toccasse tutti i cinque sensi. La si può gustare, toccare, vivere... Improvvisamente ci si ritrova in un film, pronti a nutrirsi di musica. Ma come nelle fiabe, la magia ha il suo lieto fine. Un finale caloroso, pieno di soddisfazione per quanto visto e per quanto si può fare ancora. Ed è con questo stato d’animo che la gente è tornata nelle proprie case consapevole di aver fatto del bene. E di poter continuare a donare speranza... perché la filosofia Rotary non si ferma a questo, cresce: essere al servizio della comunità e di tutti coloro che vivono disagi tramite i service.

A fine concerto un momento conviviale per augurare a tutti “Buon Natale”! [Foto Mario Di Giuseppe]

Commenti  

 
#1 Aldo Liuzzi 2016-12-30 19:18
"PRENDITI A CUORE" è un'iniziativa del ROTARY che non ha un TERMINE già definito ?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI