Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

50 ANNI DI STORIA. RIPRENDONO LE GIORNATE DELLE OASI WWF

giornate delle oasi wwf

giornate delle oasi wwf “Per celebrare i suoi 50 anni di storia il WWF ha deciso di replicare la Giornata Oasi – cioè, l’apertura gratuita delle Oasi (normalmente visitabili durante l’anno) – per le prossime prime domeniche di ogni mese fino a quella di ottobre. La nostra associazione per la data del 02.10.2016 ha deciso di aprire gratuitamente al pubblico l’Oasi Wwf Bosco Cesare Soria, sita in Gioia del Colle.

Apriremo al pubblico l'oasi ed effettueremo banchetti informativi e visite guidate totalmente gratuite nelle seguenti fasce orarie:

1) dalle 10.30 fino alle 12.30
2) dalle 13.30 fino alle 15.30

richiesta prenotazione gratuita info:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Durante la giornata delle oasi, sarà possibile associarsi al WWF ITALIA.

Come raggiungere l'oasi Google Link:

https://www.google.com/maps/d/u/0/viewer?mid=1UXjBbD1bIRxsTUpnb_ebgQiAtK8

OASI WWF CESARE SORIAgiornate delle oasi wwf

Recentemente istituita per la volontà del proprietario del Parco di Masseria Soria di tutelare questo straordinario scrigno di Natura. L’ambiente è suddivisibile in due zone: l’Aia grande ed il Bosco. La prima più a nord, vicina alla masseria, è priva di sottobosco ed è caratterizzata dalla presenza di circa una sessantina di enormi querce secolari (tra le quali 24 hanno una circonferenza che supera i 3 m). Vicino al sentiero di accesso all’Aia Grande, si trova una Roverella con circonferenza di 4,20 m.

Flora e percorso

Il Bosco, collegato all’Aia attraverso una piccola lingua di vegetazione e posto a sud di un grande campo a semicerchio, è caratterizzato da grandi cespugli di biancospino e prugnolo e custodisce al suo interno un vero monumento naturale: una Roverella alta 24 m e con una circonferenza di 4,20 m, un gigante per la sua Specie. Tra i Fragni il più grande è un esemplare di 18 m di altezza e 3,70 m di circonferenza in condizioni vegetative purtroppo non ottimali. Tra le Orchidee è interessante la presenza dell’dell’Ophrys sphegodes subsp. sipontensis, specie endemica della Puglia e localizzata nelle aree del sud barese e del tarantino. Si riconosce per il grande disegno a forma di H sul labello e per i petali rosati che contrastano con i sepali verdi. 

Fauna
I Rettili presenti nell’Oasi sono la Lucertola Campestre (Podarcis sicula), il Ramarro (Lacerta viridis), il raro Colubro leopardiano (Zamenis situla), il Cervone (Elaphe quatuorlineata) ed il Biacco(Hierophis viridiflavus), mentre i Mammiferi più comuni sono la Talpa romana e la Volpe (Vulpes vulpes) della quale si ritrovano molte tante, probabilmente utilizzate anche dai Tassi (Meles meles) e dalle Faine (Martes foina), lungo i piccoli avvallamenti creati dalle lame che rastremano il bosco. Di tanto in tanto sono stati avvistati alcuni lupi solitari che trovano riparo nell’oasi, prima di proseguire il loro cammino verso i boschi della Basilicata.

Vi aspettiamo numerosi”.

I volontari WWF

giornate delle oasi wwf

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI