Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

A GIOIA IL PALIO DELLE BOTTI 1° TROFEO CITTÀ DEL PRIMITIVO

palio delle botti

palio delle bottiIniziato il conto alla rovescia per il “1° Palio delle botti trofeo Città del primitivo 2016” a Gioia del Colle, in programma sabato 27 agosto. Prima edizione della manifestazione gioiese associata alla sagra del vino primitivo il cui scopo è quello di riappropriarsi di una identità territoriale sottratta e dimenticata nel tempo, la valorizzazione del vino primitivo, degli artisti locali, del nome di Gioia del Colle, del comparto alberghiero e gastronomico con una progettualità mirata a far accrescere nel tempo la visibilità locale.

La manifestazione è stata ideata e realizzata da Claudio Santorelli in collaborazione con l’associazione culturale Laboratorio di idee “Il Faro” e Gioia del Colle–Joha (gruppo culturale Facebook).

Sono nove le cantine produttrici di Gioia e dintorni che parteciperanno con le proprie barrique alla conquista del primo “Cencio”- e che saranno fatte rotolare da due “spingitori” in un tragitto prestabilito.

Il palio dipinto di anno in anno da affermati artisti per la prima edizione vedrà protagonista l’distrutta opera gino donvitoartista Gino Donvito.

Il disegno della locandina è stato realizzato dall'artista Mario Pugliese.

Le cantine protagoniste sono :

Terra Jovia di Filippo Colapinto
Pietraventosa di Marianna Annio
Az. Vinicola Guttarolo di Cristiano Guttarolo
Polvanera di Filippo Cassano
Fatalone di Pasquale Petrera
Tufara Donvito di Luna Donvito
Tenuta Viglione di Giovanni Zullo
Giuliani di Donato Giuliani
Tenute Patruno Perniola

Altri attori principali sono affermati artisti che dipingeranno le barrique:

Gino Donvito
Mario Pugliese
Sergio Gatti
Mario Lozito
Pompeo Colacicco
Antonella Lozito
Mimmo Milano
Valerio Pastore
Agata Di Fino

Nel corso della manifestazione sarà premiata la barrique più bella da una giuria composta da giornalisti ed esperti del settore.

L’evento sarà arricchito da spazi dedicati alla musica, alla fotografia a tema, museo tematico, mercatini artigiapalio delle bottini, spettacoli per bambini e di falconeria.

 La manifestazione si avvale del patrocinio del Comune di Gioia del Colle e della Presidenza del Consiglio della Regione Puglia.

Ristoratori delizieranno i palati dei presenti, attraverso l’acquisto di un ticket, con pietanze a base del prodotto principe: il primitivo.

I visitatori potranno così, presso i banchi d’assaggio, conoscere le diverse produzioni delle cantine e dialogare direttamente con il produttore informandosi sulle peculiarità delle etichette.

Regolamento

Art. 1 – La gara consiste nel far rotolare una barrique della capacità di 225 litri lungo un percorso definito dal comitato organizzatore attraverso le vie del centro storico.
Art.2 - Le botti saranno donate dalle cantine che parteciperanno e dipinte dagli artisti locali.
Art. 3 – La squadra sarà composta da 2 spingitori che useranno guanti e protezioni per gomiti e ginocchia.
Art. 4 – Le squadre potranno essere anche miste.
Art. 5 – Durante la gara, la botte non dovrà mai essere lasciata libera, almeno uno dei due conduttori dovrà guidarla.
Art. 6 – Non è consentito lasciare rotolare liberamente la botte (la squadra sarà penalizzata all’arrivo e le eventuali penalizzazioni per irregolarità degli spingitori o altre scorrettezze saranno valutate dai giudici di gara a seconda dell’evenienza .
Art. 7 – I componenti di ogni squadra durante la gara, dovranno indossare una divisa che li contraddistingua, di uguale colore.
Art. 8– La fornitura delle botti sarà messa a disposizione dalle cantine che sponsorizzano la manifestazione .
Art. 9 – La gara si svolgerà solamente in assenza di pioggia ,altrimenti sarà rinviata.
Art. 10 – La cantina vincitrice si aggiudicherà il Palio.
Art. 11 – La cantina vincitrice dovrà custodire il palio e riconsegnarlo l’anno successivo.

palio delle botti

Commenti  

 
#10 ND 2016-08-26 18:17
Ben vengano tutti gli eventi che possano arricchire il patrimonio Gioiese e portare alla riscoperta delle nostre tradizioni. Questo, indipendentemente da chi li organizzi. Chiunque prenda su di sè questa responsabilità merita il plauso di tutta la collettività. Sempre.

I cittadini, quelli attenti per davvero, avranno certamente notato come sia proprio fuori luogo parlare di parassitismo per la Proloco di Gioia del Colle. Tutti gli eventi organizzati, hanno il patrocinio del comune di Gioia del Colle, il che non si traduce in finanziamenti che, invece, sono erogati dai soci dell'associazione e da privati. Ogni cittadino attento ha la possibilità di verificare questo leggendo i bilanci associativi.

Complimenti sempre a tutti coloro che si adoperano costruttivamente per il bene della nostra meravigliosa città.
 
 
#9 Cittadino attento 2016-08-18 11:09
Interessante leggere l'artiicolo riportato su http://www.cittadelvino.it/
Ritengo sia una bella iniziativa e spero che la nostra Città, si iscriva all'Associazione Nazionale Città del Vino e concorrere al PALIO NAZIONALE DELLE BOTTI DELLE CITTÀ DEL VINO..
L'unica mia perplessità, e nel contempo una domanda: Quando gli Artisti dipingeranno le botti? Prima o dopo la gara? Perchè, se lo faranno prima, sono preoccupato per i danni che le stesse opere potranno subire.
Ben vengano idee come queste. Spero anche che finalmente la locale Pro-loco, non continui a vivere da mantenuta e parassita demandando a singoli privati ai quali va il mio e spero altrui plauso e ringraziamento e faccia proprio queste ed altre iniziative per far sì che si ricucia quel rapporto di appartenenza tra Città e Cittadini che amministratori senza scrupoli e personaggi ignavi hanno da lungo tempo reciso.
Buona giornata a tutti
 
 
#8 Pascal 2016-08-17 22:19
Il commento di Biagio conferma quanto da me descritto.
Ora la colpa è di Lamanna non di un candidato sindaco non gradito (conferma la differenza di voti tra preferenze consiglieri e sindaco), e della presenza di qualche riciclato di lusso.
Riflettete
 
 
#7 gianni 2016-08-17 21:51
Lamanna crea scompiglio????
Lamanna viene temuto????
Nemmeno 2 mesi fa, Lucilla e la sua coalizione hanno avuto un plebiscito di voti.
2 liste contro 8, tra cui Lamanna.
70 per cento contro 30 per cento.
Forse Lamanna dovrebbe trarne le conclusioni!
Riflettete!
 
 
#6 bravo 2016-08-17 20:35
bravo Biagio! ha ragione!!!
 
 
#5 biagio 2016-08-17 18:58
Lamanna in verita' viene temuto solo dalla sua coalizione. Gli ha fatto perdere tantissimi voti!
 
 
#4 Pascal 2016-08-17 15:57
Non c'è articolo in cui non citate Lamanna.
Insomma questo ragazzo fa sempre notizia e crea scompigli un po' ovunque.
Di solito si ignora chi conta poco o nulla e si parla, o si sparla, di chi si teme.
Riflettete
 
 
#3 The jakal 2016-08-17 14:34
Gli attacchi a prescindere non sono mai positivi. Credo che chiunque organizzi una festa debba avere il plauso della collettività. Certo successivamente ognuno puo' esprimere i suoi giudizi in maniera autonoma. In passato abbiamo assistito a delle feste molto belle e ben organizzate (la festa federiciana-la festa della zampina- le recenti feste di san filippo e san rocco), certo non sono mancate delle brutture indescrivibili che hanno creato danno e non beneficio. Dal programma letto in questo articolo, credo che si possa dire che trattasi di qualcosa di nuovo e di originale, pertanto aspettiamo a dare giudizi e per il momento diciamo Grazie!!!!!
 
 
#2 felice 2016-08-16 22:28
Lamanna a livello politico, dopo la batosta elettorale, non esiste piu'.
Il Faro si!
 
 
#1 Pino67 2016-08-16 18:29
Ma l'associazione il Faro è quella di Lamanna? Ma esiste ancora?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI