Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

BICICLETTATA OTTAVA EDIZIONE. BAGNATA MA FORTUNATA-foto

biciclettata VIII edizione

biciclettata VIII edizione biciclettata VIII edizione biciclettata VIII edizioneSi è conclusa solo da pochi giorni l’VIII edizione diGioia in bicicletta”, troncata nella sua parte finale da un forte acquazzone. Un vero peccato che sia finita così una manifestazione che procedeva al meglio con grande gioia e soddisfazione di tutti, organizzatori e partecipanti. Minacciose nuvole avevano inseguito la carovana per tutta la giornata, ma sembrava che tutto sarebbe finito lì, con un po’ di frescura piacevole in queste prime calde giornate di giugno, dopo lunghi periodi di tempo molto variabile.

Invece le piccole gocce sono diventate una vera pioggia, per cui, un fuggi fuggi generale, per molti verso casa con le loro biciclette, per altri verso l’interno della struttura ospitante, il Country Club, che ha dimostrato ancora una volta la sua apprezzabile capienza.

Questa ciclopasseggiata che viene in realtà da molto lontano, perché iniziata nel 1988 da una associazione culturale chiamata “Gioiainsieme”, sarebbe quest’anno alla 28° edizione, se non ci fosse stata una pausa. Il proseguimento della stessa è stato affidato, con giusta lungimiranza, all’Inter Club di Gioia del Colle che porta avanti il progetto con gli stessi scopi ed ideali: diffondere l’uso della bici e l’amore per la vita all’aria aperta e per il proprio territorio.

La popolazione gioiese, giovane e adulta, sembra aver recepito il messaggio perché i partecipanti diventano sempre più numerosi. E’ doveroso aggiungere che tutti i ragazzi, alcuni molto giovani, sono stati quest’anno particolarmente tranquilli e corretti.

Piace ai cittadini gioiesi la formula che fa di questa giornata una specie di scampagnata, in un periodo in cui la natura è particolarmente variopinta e lussureggiante. Oltre agli amanti ed utenti della bici, si associano al’iniziativa numerose famiglie di amici e parenti dei partecipanti, felici di trascorrere una giornata all’aria aperta nella gradevole cornice verde del Country Club.

La giornata si è svolta con il raduno alle 9,30 in Piazza Plebiscito. Partenza verso le 10,30 con servizio d’ordine dei Vigili Urbani, di Gioia Soccorso e della Virgo Fidelis. Percorso cittadino e periferico. Sosta in Piazza Dalla Chiesa per ristoro con prodotti offerti dbiciclettata VIII edizionealla ditta Granarolo.

Proseguimento verso la zona artigianale e nuova sosta per ristoro e ricompattamento presso la ditta Domenico Martucci (fiori, piante, mangimi, prodotti bio ed atro..), che anche quest’anno ha offerto a tutti i partecipanti ciliegie e bottigliette di acqua fresca.

Poi, toccando appena la città, tutti verso la campagna ed il luogo del ristoro, dove si è trascorso il resto della giornata, sino alla pioggia che ha interrotto tutto.Ma il più ed il meglio è stato salvato.  biciclettata VIII edizione

Un abbondante pranzo è stato preparato e servito dai volontari dell’associazione ASOTUDIS, che da sempre collabora con l’organizzazione, accompagnato da una varia piacevole animazione con Giuseppe Turra e Gegè.

Ma l’attrazione più importante è stata il nostro talento gioiese, vincitore non molti anni fa, del festival di Sanremo, Mario Rosini. Il maestro ha cantato innanzi tutto la canzone con cui vinse a Sanremo,”Sei la vita mia”,  e poi tante altre del repertorio classico italiano. biciclettata VIII edizione

Art Director dell’animazione e dell’aspetto musicale della giornata è stato, come sempre, Nino Piscitelli. Il tutto è stato condotto con la maestria di grandi professionisti dello spettacolo, ed i nostri lo sono. Si stava arrivando al momento dei sorteggi e delle premiazioni, quando la pioggia ha interrotto tutto.

Il direttivo dell’Inter Club ha fatto sapere, per passaparola, che si provvederà a completare il programma della giornata in una prossima occasione, appositamente studiata.

Ha dato inizio alla “festa sull’aia”, considerato che il 2 giugno si è festeggiato l’anniversario della nostra Repubblica, un bersagliere in divisa, Nicola Milano, che con la sua tromba ha suonato l’inno nazionale, cantato dal tenore  Nicola Malagnini di Laterza, ormai sempre presente alle nostre feste. Ovviamente tutti in piedi, come sempre commossi dalla musica evocatrice di tante vicende della nostra storia. [foto Mario di Giuseppe]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI