Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

“THE DIGITAL BOX” DIVENTA S.P.A E SI RACCONTA IN TV

the digital box

Roberto Calculli Da pochi giorni “The Digital Boxè una Società per azioni ed a breve la sede legale, attualmente ospitata a Milano, si sposterà a Gravina. L’azienda gioiese sorta nel 2013 grazie ad una geniale start up legata alla progettazione ed allo sviluppo di piattaforme digitali per promuovere le imprese attraverso il mobile marketing, è oggi una delle più prestigiose realtà imprenditoriali del territorio e dell’intera nazione.

Un processo di crescita ed una sfida imprenditoriale che riempiono di orgoglio Gioia del Colle, cittadina che ospitata la società in cui operano ben otto gioiesi e che giorno per giorno conquista importanti fette di mercato, puntando ad ampliamenti logistici e di organico.

Una realtà definita “la Silicon Valley della Murgia” su reti televisive e prestigiose riviste nazionali quali il Sole 24 ore, il Corriere dell’Economia - per citarne solo alcune - che nei giorni scorsi è approdata alle telecamere di RETECONOMY sul Canale 512 di SKY ed il 3 maggio vedremo in “Mezzogiorno di successo”.

Il CEO Roberto Calculli ed il presidente Marco Landi - già punta di diamante nella Apple, che dall’ottobre del 2015 con il suo fondo “Atlante Ventures” ha acquisito quote della “The Digital Box” -, promuovono non solo l’immagine ma anche l’essenza imprenditoriale di questa “creatura” che oggi conta 1,9 milioni di euro di abbonamenti, più di 7.000 clienti attivi e cento partners in due continenti ed in venti nazioni.

Sul “Corriere della sera” del 14 marzo, nelle pagine dell’inserto dell’economia, Landi in “Io, ex capo della Apple da Cupertino a Gioia del Colle” racconta la sua storia ed è anche grazie alla sua esperienza, “al suo carisma ed alle sue qualità umane”, che l’azienda gioiese ha intrapreso la scDomenico Triaalata azionistica ed ampliato i suoi orizzonti. Il 5 marzo scorso è invece il “Sole 24 ore” a far tappa a Bari per dedicare un articolo alla Silycon Valley della Murgia

Numerose aziende stanno investendo nella società che si presenta con un nuovo ed accattivante look: www.thedigitalbox.net, sito nel quale l’essenzialità dei messaggi - efficaci e diretti, frutto di un accurato studio sulla comunicazione - e la poesia delle immagini, creano un mix di accattivante e travolgente curiosità.

“Raggiungi le persone giuste con il messaggio giusto, al momento giusto”, “Contenuti che creano conversioni”, “Contenuti che creano relazioni” sono alcuni degli slogan che promuovono i prodotti della società impegnata nella progettazione e nello sviluppo di piattaforme digitali sempre più innovative per sostenere le sfide imprenditoriali e con cui cambiare il mondo.

Il nuovo “approccio” utilizzato nel mobile marketing è il “Disruptive” che con altre promozioni dai nomi e dalle immagini accattivanti, offre servizi ad aziende famose. Tra i tanti clienti di “The Digital Box” troviamo anche Tim, Divani&Divani, Citroen, Conad, Mc Donald’s, Zucchetti, BMW, Trony, Sony ed Expert.

“La nostra è una bella realtà di cui essere fieri… Stiamo esplorando nuovi orizzonti e contattando importantissime realtà - dichiara Domenico Tria, direttore tecnico-, le relazioni sono importanti ed a breve allargheremo anche la nostra sede quithe digital box a Gioia.”

Il cuore dell’azienda sono gli sviluppatori che Tria definisce “operai del software”, sono loro che innovano il settore e consentono all’azienda di essere sempre un passo in avanti.

“Curiamo ogni fase… analisi, progettazione, tutto. In questo siamo autonomi perché gestiamo il processo dall’inizio alla fine, avvalendoci di altissime professionalità maturate in azienda in diversi ambiti. Siamo “cresciuti” insieme e chi entra nel nostro team crea un valore aggiunto. Ovviamente star sempre sulla cresta e competere anche con chi ci “imita” richiede un impegno costante, l’innovazione è il nostro ‘must’. In questo settore non è possibile fermarsi, siamo in continua formazione e trasformazione...”.

Ed è in questa energia e positività, in questa grinta che Marco Landi ritrova l’ebbrezza del sogno americano di Steve Jobs, di cui ricorda aneddoti ed episodi. Al suo fianco ha scoperto quanto la passione possa rendere una professione vincente, anche perché “…l’unico modo di fare un gran bel lavoro è amare quello che fate!” [S. Jobs]

 

Commenti  

 
#1 Luciana 2017-03-22 16:52
ottimo articolo. Solo che non hanno mica inventato l'acqua calda. Gli SMS landing esistono da una vita ;)
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI