Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

ESILARANTE SPETTACOLO CON ANTONIO REZZA AL ROSSINI-foto

antonio rezza al rossini

antonio rezza al rossini Al Rossini, martedì 16 marzo, è andato in scena “Io”, spettacolo teatrale del 1998, nato dal più che riuscito connubio artistico fra Antonio Rezza e Flavia Mastrella.

L’estro artistico, dalla originalità indiscussa, dell’attore novarese, Antonio Rezza, in effetti, trova compimento nei quadri di scena – una vera e propria operazione di arte applicata alla drammaturgia –, realizzati dalla scenografa Flavia Mastrella. Uno spettacolo esilarante e contemporaneo, ironico e dissacrante, durante il quale le scene sono completamente coinvolte nell’azione drammaturgica. Ai frequenti cambi di scena corrisponde, infatti, il cambiamento cromatico dei tendaggi: il giallo, il rosso e il blu rispondono in modo diverso alla luce e ne esaltano la varietà della trama.

A questa molteplicità si collega la capacità di mimica dell’attore novarese, che continuamente assume espressioni differenti. Ed è così che ‘Io’ cresce inumano e disumano, inventando lavatrici e strumento di quieto vivere. Il radiologo esaurito fa le lastre sui cappotti e un edonista piega lenzuola a tutto spiano fino ad unirsi ad esse per lasciare tracce di seme sul tessuto del lavoro.

“Io” mangia la vitaantonio rezza al rossini bevendo acqua rotta ed è portavoce dell’amaro nascere. Si gioca all’oca, ogni tanto un torneo, un uomo di cimenta in imprese assurde e un visionario vede vulva nelle orecchie altrui. Fino ad arrivare alla catastrofe, durante la quale ‘Io’ si ridimensiona. In scena vi è un continuo fluire che Antonio Rezza riesce a cristallizzare in forme che subito dopo distrugge. Costruzioni fittizie autoimposte e no, sotto le quali l’io non è mai univoco.

L’attore novarese scardina la quarta parete e con lui il pubblico è protagonista. La sua è un’ironia amara, disincantata, perché, detta con Pirandello, se si toglie il ridicolo di un fatto o di una persona, se ne individua in maniera inevitabile il fatto dolente.

Il prossimo appuntamento con la stagione di prosa del teatro comunale ‘Rossini’, dal titolo ‘Promozione di un sogno: il vento, atto II’, è fissato all’8 aprile con lo spettacolo di danza, ‘L’incanto’, dato dal coreografo Lindsay kemp, il quale annovera nel suo percorso artistico la collaborazione con David Bawie. [foto Mimmo Castellaneta]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI