Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

CONCERTO DI NATALE CORO “PUERI CANTORES” CARANO-MAZZINI

concerto di natale coro mazzini-carano

concerto di natale coro mazzini-carano Domenica 20 dicembre alle ore 18:00 presso l’Aula Magna della LUM di Gioia si è tenuto l’emozionante concerto di Natale del coro stabile di voci bianche “Pueri Cantores” dell’istituto comprensivo Carano-Mazzini. Ad aprire la serata i piccoli della scuola dell’infanzia “A. Moro” e "C. Soria" di Gioia che sotto l’amorevole guida del M° Anna Maria Longo hanno intonato “Andare a Betlemme”, “Notte di prodigio”, “Tip Tap nella stalla” e “Cha Cha Cha delle pecorelle”, le dolcissime voci dei piccoli coristi hanno accompagnato le altrettanto melodiose voci dei solisti Julia Cioaca, Nora Tramacea e Simona Caputo.

La serata è poi proseguita con il concerto “Viaggio a Betlemme” dei più grandicelli dell’istituto comprensivo “Carano-Mazzini” che sotto la sapiente guida del M° Fabio Mola hanno intonato “A Natale puoi” di Roberta Bonanno, “Imagine” di John Lennon arrangiata per voci bianche dallo stesso M° Mola, “Andare a Betlemme”, “Notte di prodigi”, “Dolce Maria”, “Non c’è più posto”, “Una capanna” di Daniele Ricci e Daniela Cologgi, “Halleluja” di Alexandra Burke, quest’ultima interpretata eccezionalmente da Alessia Giorgio, semifinalista del concorso canoro Live Music concerto di natale coro mazzini-caranoFestival e allieva di Fabio Mola, ad accompagnare le emozionanti interpretazioni c’erano il piano del M° Anna Maria Longo, e la chitarra classica di Emanuele Fiorente. Ad intervallare le canzoni alcuni alunni hanno recitato brani inerenti la natività e la notte santa in particolare e dopo l’eccellente esibizione dei ragazzi il M° Mola ha regalato ai presenti una personalissima interpretazione dell’ “Ave Maria” di Shubert, in inglese e in italiano.

Le docenti entusiaste del progetto realizzato dell’istituto comprensivo, finalmente compiendo il senso vero del Natale: “lo stare insieme, condividendo momenti di gioia ed allegria, cantando nella nostra semplicità”, un ringraziamento va al preside, ai bravissimi coristi, e alla professionalità e all’impegno dei Maestri Longo e Mola che ha raccontato brevemente le origini del coro: “la prima esibizione si è avuta lo scorso anno con un’unica classe in occasione della presentazione del libro ‘Fabrizio e la rivolta dei giocattoli’ della scrittrice e prof.ssa Anna Baccelliere, di qui è nata l’idea insieme alle prof.sse Surico e Falcone di creare un coro dell’istituto, così a maggio abbiamo organizzato un concerto per i 500 anni dallconcerto di natale coro mazzini-caranoa nascita di San Filippo Neri, uomo di cultura, di religione e noto musicista”. Il repertorio andava dal gregoriano, rinascimentale e barocco fino alle canzoni dei musical più conosciuti, e alle colonne sonore dei film sul santo, dal discreto successo riscosso nasce la voglia da parte del preside di creare il coro stabile dell’istituto”.

Il preside prof. Antonio Pavone ringrazia i presenti numerosi ed attenti: “un grande ringraziamento va ai direttori del coro Mola e Longo per quello che stanno facendo per l’istituto, è bello essere qui, tutti insieme come una grande famiglia e farci gli auguri in questo modo così magico e sono contentissimo di questo”.

Si è proceduto poi con le premiazioni del concorso “Biodiversità pugliese” indetta dalla Soc. Coop. “Spicchio verde” vincitrice di un bando regionale per un progetto rivolto alle scuole secondarie di primo grado per sensibilizzare le nuove generazioni ad una conoscenza approfondita del nostro patrimonio naturalistico ed alla cura dello stesso evitando atti vandalici che troppo spesso lo deturpano. “La Carano ha fatto centro concerto di natale coro mazzini-caranoproprio perché numerosi sono stati i nostri alunni premiati – afferma il preside - così al 3° posto per la fotografia a Giorgio Virtù della III A, 3° posto per la poesia ad Aurora Pugliese della II A, 2° posto per Silvia Covella della II A, 1° posto per Sara Fiorente della III A. Un ringraziamento speciale a Pino D’Aprile che ci ha permesso di essere qui ed auguro a tutti voi buon Natale e delle serene festività”. 

Il discorso conclusivo è affidato al M° Mola che esordisce: “questo è il nostro modo per augurarvi un buon Natale” e per rendere omaggio ai genitori con un pensiero che va al di là del “buon Natale”: “in tanti anni da cantante e in non tantissimi da direttore di voci bianche ho avuto modo di ascoltare i vostri figli, e mi son sempre chiesto: cosa rende felice i bambini, i ragazzi all’interno di un coro? Una volta una bambina di questo coro mi ha chiesto: “ma tu lo sai perchè sono nel coro?”, perché ti piace la musica, “no, perché sono felice, mi sento capita”, da questa frase nascono questi dieci obiettivi che secondo me possono essere sposati dai genitori: importante per i bambini e i nostri ragazzi è sentirsi accettati per quello che si è, ogconcerto di natale coro mazzini-caranonuno è unico e speciale, il paragone con gli altri non ha senso; se lo accetti, lo ami, i bambini e i ragazzi devono sentirsi amati; non devono essere costretti a dimostrare di essere dei geni, io stando a contatto con tanti bambini nelle scuole vedo che sono pieni di nozioni ma pochissima sostanza, non sanno che vuol dire voler bene a qualcuno che ha bisogno e questo bisogna spiegarlo ai ragazzi; devono avere tempo per annoiarsi ed inventare nuovi giochi; sudare, sporcarsi, sperimentare, stare all’aperto anche d’inverno, giocare, tutto questo li rende uomini e donne più forti nella vita, cose che noi della nostra generazione e di quella prima abbiamo fatto e non credo questo abbia impedito di realizzarci; non impegnare tutto il tempo dei nostri figli con mille e uno corsi, perché poi non ne riusciranno a seguire uno come si deve; educare al sentimento e al rispetto della diversità intesa come ricchezza, non come un difetto, siamo tutti diversi, nessuno può dire di essere migliore dell’altro, ognuno di noi ha una specificità, nel campo del lavoro, ma soprattutto dal lato umano, non ci deve spaventare il diverso, io ad esempio sono un uomo che canta da sopranista; dare l’esempio con il nostro comconcerto di natale coro mazzini-caranoportamento vale più di tutto, i bambini imparano e assorbono ciò che vedono e sentono; ascoltarli con attenzione ed interesse, ne hanno bisogno, se vogliamo essere ascoltati dobbiamo essere capaci di ascoltare, ultimamente nessuno ascolta più l’altro; insegnare loro che la perfezione non esiste, sbagliare è umano, nei limiti del possibile e serve tanto per imparare a stare al mondo e tollerare frustrazione ed errori”.

Dopo questi consigli il M° Mola infine ringrazia tutto il coro, i solisti, e chi ha permesso tutto questo, il preside, prof. Antonio Pavone, le prof.sse che sono di un’umiltà squisita, la prof.ssa Falcone, la prof.ssa Surico, la prof.ssa Buttiglione e la maestra Vitto, un ringraziamento particolare anche ai suoi due allievi di canto Alessia Giorgio ed Emanuele Fiorente che ha arrangiato le canzoni di questa sera, infine il M° Anna Maria Longo. Anche tutti i coristi hanno voluto ringraziare Maestri e docenti con un bellissimo cartellone. Riportiamo i nomi dei solisti della “Carano-Mazzini”: 1A Anna Elena Galgano, Alice Posa, Alessandro Digiuseppe, Chiara Fraccalvieri; 2A Martina Cennamo, Enrico Cetera, Gaia Miccolis, Aurora Pugliese, Giulia Turi; 2E Rebecca Di Ronzo, Grazia Vernia; 3° Teresa Vezzeggiato.

concerto di natale coro mazzini-carano concerto di natale coro mazzini-carano

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI