Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

RITORNANO LE “PIGOTTE UNICEF” PRONTE PER ESSERE “ADOTTATE”

Laboratorio Pigotte unicef

Pigotte_UNICEF “Nel plesso di Piazza Redentore dell’Istituto Comprensivo “San Giovanni Bosco-Melo da Bari” è stato creato un laboratorio che è diventato un centro di produzione delle Pigotte attivo tutto l’anno e diretto dalla volontaria Unicef Rachele Calabrese. Con la creazione di queste bambole di pezza, realizzate a mano da numerose e varie persone, l’Unicef raccoglie fondi da destinare a vari progetti per aiutare i meno fortunati. Queste sono adottabili a seguito di una donazione minima di 20€.

I genitori degli alunni della San Giovanni Bosco – ha affermato la responsabile – attraverso i loro figli avevano ricevuto il messaggio che si potevano aiutare dei bambini fortemente malnutriti con la Pigotta. Non potendo acquistarle hanno scelto di aiutare l’Unicef a realizzarle”.

Il laboratorio è nato a seguito dell’organizzazione dei genitori e alla disponibilità della scuola, nella pepigotte unicefrsona di tutti i dirigenti che negli anni si sono susseguiti, che ha messo a disposizione un un’aula per questa attività.

Da un’assemblea di genitori è nata l’idea di fondare una banca del tempo un po’ anomala perché non si scambiano favori ma le ore libere vengono destinate a due progetti di solidarietà. Uno tra questi è quello Unicef con la creazione delle Pigotte. I volontari, soprattutto mamme, realizzano tutto l’anno le Pigotte e la scuola ha avuta una grande sensibilità nel donarci un aula laboratorio. Loro le donano all’Unicef o organizzano direttamente i banchetti per la vendita sempre finalizzata al progetto Pigotta Unicef”.

Sono più di dieci le persone che assiduamente sono al lavoro per la creazione delle Pigotte con elevata preparazione e sensibilità nei confronti del valore economico e simbolico delle bambole.

È un laboratorio che vede ruotare una quindicina di persone. Alcune di loro, molto anziane, lavorano anche a casa. Invece nel laboratorio accogliamo centri di case famiglia, come Casa Shalom, ragazzi minori extra comunitari non accompagnati. Anche loro realizzano le Pigotte e apprendono un mestiere molto raffinato. Le bambole sembrano semplici, ma in realtà viene messa molta passione e impegno per realizzarle. Io coordino per modo di dire perché sono così autonome che non so se siano loro a coordinare me o viceversa”.

Le Pigotte Unicef saranno adottabili dal 15 dicembre negli stand dell’Unicef in Piazza San Ferdinando a Bari”.

 pigotte unicef

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI