Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

A GIOIA LA FINALE REGIONALE FESTIVAL PIZZA PUGLIESE-foto

Francesco Magistro2

12308529_10205361260134378_2283503985476542725_n A poco più di un anno dalla prima tappa del Festival della pizza pugliese (Polignano, ottobre 2014), martedì 1 dicembre 2015 si terrà la finale regionale di una manifestazione che ha visto confrontarsi le eccellenze pugliesi nel settore. La serata finale si svolgerà nella pizzeria Marabù in via Roberto Rossellini, 1 a Gioia del Colle, dotata di ben due forni a legna. Si confronteranno tutti i vincitori (ex aequo compresi) delle 9 tappe fin qui disputate, giovani talenti e affermati professionisti. Proporranno il meglio del loro repertorio attenendosi alle regole del concorso che qui ricordiamo:

1) utilizzo di prodotti pugliesi
2) diametro della pizza di 33 cm
3) qualità e tecnica dell'impasto
4) gusto e cottura
5) valutazione artistica e immagine
6) manipolazione della pizza.

Un format, ideato e realizzato dal presidente dell'associazione “Talento inedito” Michele Pezzolla, che si è rivelato un'ottima occasione di scambio di saperi ed esperienze fra protagonisti di un settore che, non a caso, ha risentito poco della crisi, quello della pizza. E quella pugliese con le sue peculiarità, i suoi sapori, i suoi profumi mediterranei ha conquistato non solo i palati pugliesi. Un'eccellenza insomma che questo festival ha messo in evidenza.

Appuntamento quindi alle ore 20.00 di domani, martedì 1 dicembre, presso la pizzeria Marabù, per incoronare il miglior pizzaiolo pugliese.

Un festival che ha affascinato i concorrenti ma anche i buongustai gioiesi, dopo la prima tappa svoltasi a febbraio scorso presso la pizzeria Manhattan di Vito Laterza (MANHATTAN. UN “FESTIVAL DELLA PIZZA” MEMORABILE-foto), presenti in gran numero presso la pizzeria Marabù per assistere alla nona e ultima tappa di selezione prima della finalissima. Gara svoltasi nella nostra cittadina martedì 03 novembre e condotta magistralmente dal bravissimo Beppe Stallone. Come sempre si sono cimentati 12239725_10205336468114593_529616139744066735_npizzaioli giovani e meno giovani, in questa circostanza dinanzi ai due forni a legna della pizzeria Marabù. Ad aprire la gustosa tenzone Raffaele Delvecchio, titolare della pizzeria di Margherita di Savoia “Il pirata”. E in onore della località dove vive e lavora ha preparato una pizza “Regina Margherita”, con base bianca crema di asparagi di mare, salsina verde di San Marco in Lamis e frutti di mare. Una scelta, quella dei frutti di mare sulla pizza non sempre facile, il pesce infatti in genere copre il gusto della pizza. Ma la sua creazione è stata molto gradita dal pubblico.

Secondo concorrente in gara Francesco Incampo, 22enne di Altamura, pizzeria “Porta Aurea” che ha realizzato una pizza “Leonessa” a base di farina Senatore Cappelli, crema di zucca, fiordilatte, cardoncello dell'Alta Murgia e pancetta tesa affumicata. Applausi anche per lui.

Quindi dalla Sesta provincia, esattamente da Trinitapoli (pizzeria “I tre Galletti”), il giovanissimo Ferdinando Uva, un ragazzone di soli 17 anni ma con tanta creatività, ha presentato una stupenda pizza in cui ha associato la pizza con sfilacciata di pollo allo spiedo, mostarda di cipolla di Zapponeta, noci e granella di noci e bocconcini di Trinitapoli. Una vera delizia.

E’ stata la volta del nostro Vito Laterza, titolare della pizzeria “Manhattan”, dove nei mesi scorsi si è tenuta una tappa del Festival che Vito ha fortemente voluto approdasse nella nostra poco ridente cittadina,. Con lui spazio all'esperienza. Vito, con una coreografica e splendida presentazione, ha proposto la sua pizza “Gioiosa” con funghi di bosco, mozzarella e pomodorini appgiuriaesi.

Infine il padrone di casa, il pizzaiolo Gianfranco Magistro, ha realizzato una pizza “Profumo di bosco”, con salsiccia di suino, cardoncelli e finferli.

Giuria indecisa fino alla fine sul vincitore della serata, tanto da optare per un ex aequo. In pratica due vincitori con un occhio particolare ai giovani. E infatti hanno vinto Francesco Incampo, di Altamura e Ferdinando Uva di Trinitapoli. Non è stato facile per il presidente di giuria Alessandro Pastoressa, presidente fra l'altro dell'associazione Pizzaioli Qualificati, e degli altri giurati, Rosa Carione e Giuseppe Patrì, ma alla fine hanno optato per la creatività di questi giovani talenti pizzaioli. Serata di gusto e anche di divertiment12193638_10205239155761845_2971925877059854625_no con l'immancabile obiettivo di Vito “Occhiomagico” che ha immortalato partecipanti, vincitori e momenti significativi della manifestazione. E tra un piatto e l'altro, voce e musica di un gruppo di giovanissimi i “Firework” di Bitonto, alunni della scuola musicale “Vox libera” di Tina Carano. Luigi Bianco, voce, Gabriele Piedone, piano e Marco Fallacara, batteria hanno proposto il loro repertorio pop italiano.

Per Michele Pezzolla “ancora una volta si è trattato di un momento di confronto di culture e saperi gastronomici che affondano il proprio patrimonio in una terra ricca di sapori e prodotti unici, la Puglia”. (foto Occhio Magico)

  12301767_10205360856964299_6072148631996636824_n

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI