Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

PUBBLICO IN DELIRIO PER IL CONCERTO DI CESARE CREMONINI

cesare cremonini

cesare cremonini Non ha deluso le aspettative la tappa barese del “Piu’che logico Tour 2015” del cantautore bolognese Cesare Cremonini, un PalaFlorio gremitissimo ha accolto calorosamente il cantautore che “entra in scena” con la nuovissima ed energica “Lost in the weekend”, riscaldando subito l’atmosfera.

Si continua a ballare con “Il comico” brano di qualche tempo fa, sempre molto apprezzato dai fan. Dopo aver incassato i primi meritatissimi applausi il cantautore saluta il suo pubblico.

“Sono contento di rivedere la Puglia e di essere ritornato a Bari - esattamente un anno fa ha tenuto un indimenticabile concerto sempre al PalaFlorio, e promette - vi voglio regalare una serata unica ed indimenticabile e spero che i vostri cuori battano insieme al mio”.

Dopo queste entusiasmanti premesse Cremonini interpreta “Dicono di me”, un altro brano del passato, si cambia registro poi con l’intensa “PadreMadre”, un classico inserito nel primo lavoro da solista, seguicesare cremoninito da “Le tue parole fanno male” e “Non ti amo più” che il cantautore esegue imbracciando la chitarra elettrica.

Restando nel romanticismo più assoluto è la volta di “La nuova stella di Broadway” e si cambia registro con “Buon viaggio (Share the love)”, gettonatissima nelle radio quest’estate.

Un altro strumento caro a Cremonini è il pianoforte e proprio al piano il cantautore, accompagnato dalla tromba di Andrea Giuffredi, interpreta “Figlio di un re” e ancora seduto al piano prende la parola per presentare il brano successivo.

È molto emozionante- confida - essere di nuovo su questo palco, ed è gratificante vedere ancora i vostri occhi e il vostro entusiasmo. La prossima canzone voglio dedicarla a Marco Tamburini (trombettista prematuramente scomparso)che mi ha accompagnato nel precedente tour.

Un forte applauso ha accolto la bellissima “Vieni a vedere perché”. Seguono due brani più ritmici come “Mondo” e “Logico#1”, singolo di lancio dell’ultimo album omonimo. Tocca alla romantica “Io e Anna” seguita cesare cremoninidalla ballatissima “Greygoose” che con il suo ritornello “Angelina” ha fatto scatenare i fan.

Lungo la passerella si posizionano tutti i musicisti, Nicola Balestri componente dei Lùnapop, che con Cremonini esegue “Gli uomini e le donne sono uguali”, prende la parola il cantautore: “Ho appreso dalle statistiche che oggi sono più gli uomini ad ascoltare la mia musica rispetto alle donne e ci sono rimasto malissimo - scherza Cremonini - e pensare che è dai tempi dei Lùnapop che mi hanno accusato di aver fatto un gruppo per le ragazzine. Non va bene questa cosa e stasera voglio sovvertire le statistiche” e sul ritornello di “Una come te”, il pubblico ha dato ragione a Cesare. Entrambe le canzoni sono state proposte in chiave swing, decisamente apprezzata dal pubblico barese.

È la volta di “Maggese” seguita da un commento del cantautore bolognese: “Sono orgoglioso di portare sul palco questo brano - non apprezzato dalla critica nel 2005 - la musica ha bisogno del giudice più importante che è il tempo. È incredibile vedere come certe canzoni non hanno tempo, dopo tanti anni che sono uscite, le persone reagiscono alla stessa identica mcesare cremoninianiera come la prima volta che le hanno sentite, come se davvero non fossero passati vent’anni…” e l’inconfondibile passaggio sui tasti del piano preannuncia il delirio totale: “50Special”, il singolo contenuto nell’album “…Squérez?” che portò Cremonini e il suo gruppo al successo, e così nessuno si è trattenuto dal ballare, saltare e cantare.

Il cantautore dopo essersi scatenato insieme al suo pubblico, sedendosi nuovamente al pianoforte regala la romanticissima “Marmellata#25” seguita dall’altrettanto romantica “Le sei e ventisei”.

È il momento dei saluti, ma il pubblico acclama il suo beniamino che non si fa pregare e saluta i fan con un altro suo pezzo storico con i Lùnapop “Un giorno migliore”: augurio più bello non poteva fare.

Si congeda così: “Grazie Bari per questa splendida notte in cui ci siamo divertiti tanto. Grazie di cuore, spero presto di tornare!”

Le premesse iniziali sono state più che rispettate e i fan gli tributano un ultimo calorosissimo applauso. Un grazie di cuore ad Oronzo Lavermicocca per averci concesso i suoi scatti d’autore!

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI