Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

“FIVEMEN” PER DIRE “NO” ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

abusi-sessuali-minori

resize_crop.php Venerdì, 6 novembre dalle ore 8.30 alle 13.10 l’auditorium del Liceo Scientifico “R. Canudo” ospiterà il Progetto Fivemen (Fight Violence Against Women).

Il Liceo Scientifico “R. Canudo” è stato infatti selezionato - unico istituto della Puglia -, a partecipare alla giornata di formazione sulla violenza di genere - promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità della presidenza del Consiglio dei Ministri - per l’innovativo e originale lavoro condotto nell’anno scolastico 2013-2014 con il progetto “Donnedamare”.

Il Progetto Fiveviolenza_donna_555men, finanziato anche dalla Commissione europea attraverso il programma PROGRESS, è stato ideato con l’obiettivo di promuovere e diffondere un messaggio rivolto agli uomini e ai ragazzi per responsabilizzarli sul fenomeno della violenza contro le donne e renderli attori principali del necessario cambiamento culturale.

Per raggiungere tale obiettivo, si è scelto di veicolare la nuova campagna di comunicazione tramite il web, utilizzando la serie “COSEDAUOMINI” come formato narrativo.

Si tratta di una web series che racconta la storia di cinque amici che giocano a calcetto e i problemi della loro vita privata s’insinuano nella loro vita. Dopo tante campagne di senFEMMINICIDIO-728x445sibilizzazione rivolte alle donne per esortarle a denunciare gli uomini violenti e i loro comportamenti, gli studenti saranno invitati a riflettere sul messaggio che il governo italiano intende veicolare: è agli uomini, che adesso bisogna parlare, per prevenire, prima ancora di condannare e punire. Presso l’auditorium del liceo Scientifico le classi che hanno intrapreso il percorso di approfondimento del tema, parteciperanno alla giornata di formazione presieduta dal dirigente prof. Rocco Fazio; dalla dott.ssa Paola Bianchi per il Dipartimento delle Pari Opportunità di Roma: dalla dott.ssa Laura Pasquino per l’Associazione D.i.Re (Donne in Rete contro la violenza) dell’Osservatorio Giulia e Rossella presso il Centro Antiviolenza di Barletta e dal dott. Orazio Leggiero, per l’Associazione Maschile Plurale. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI