Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

36° STORMO. CONCLUSA CON SUCCESSO MISSIONE BALTICA-foto

difesa6

3 “Con la cerimonia di ammaina Bandiera, si è conclusa, presso la base aerea di Šiauliai in Lituania, sede della TFA (Task Force Air) italiana, la missione "Frontiera Baltica", svolta nell'ambito dell'operazione "Baltic Air Policing" della NATO sui cieli di Lituania, Lettonia ed Estonia.

Dal 1° gennaio 2015, quattro Eurofighter Typhoon dell'Aeronautica Militare con relativi piloti, tecnici e specialisti (in tutto circa 100 militari del 4° Stormo di Grosseto, del 36° Stormo di Gioia del Colle e del 37° Stormo di Trapani, con il contributo di altri Reparti di Forza Armata ed Interforze) hanno infatti garantito, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, la difesa dello spazio aereo delle tre repubbliche baltiche.

Inoltre sono stati dis2taccati Controllori della Difesa Aerea italiani presso il Centro di Riporto e Controllo (CRC) lituano di Karmelava, al fine di fornire addestramento, assistenza e supervisione ai colleghi baltici.

In otto mesi, la Task Force Air ha svolto in totale circa 900 ore di volo, con 40 Alpha-Scramble (reali interventi di Difesa Aerea) e oltre 160 Tango-Scramble (Eventi simulati per l'addestramento alla prontezza operativa), e molte missioni addestrative per il mantenimento della piena operatività della TFA e degli operatori del CRC di Karmelava.

L'alto livello di affidabilitàdifesa1 ed efficienza garantito dagli uomini e donne della TFA è stato riconosciuto anche dalla NATO, che ha valutato il dispositivo italiano con la massima qualifica di "Excellent", per la prontezza dei piloti e di tutto il sistema di supporto a terra, nonché per la validità delle procedure operative poste in atto.

Tra le tante autorità civili e militari presenti alla cerimonia di chiusura, erano presenti il Generale di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi (Comandante la Squadra Aerea), il Generale di Squadra Aerea Roberto Nordio (Vice Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze), il Comandante delle Forze da Combattimento dell’Aeronautica Militare, Generale di Divisione Aerea Nicola Lanza De Cristoforis, l'Ambasciatore italiano in Lituania Stefano Taliani De Marchio, l'Addetto Militare per la Polonia e i Paesi Baltici, Generale di Brigata (EI) Filippo CamEF2000s AAR over balticsporesi. La Lituania è stata rappresentata dal Vice Ministro della Difesa, Marijus Velička, e dal Capo di Stato Maggiore del Comando Interforze Lituano, Brigadier Generale VilmantasTamošaitis.

Nel suo intervento, il Generale di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi, oltre a ringraziare il Comandante della TFA, Colonnello Vito Cracas, per il lavoro svolto, ha sottolineato come "questa operazione, sebbene prettamente aeronautica, rappresenta un indubbio successo dal punto di vista operativo e addestrativo per l'intero comparto militare nazionale. Le capacità espresse, le competenze maturate ed i risultati conseguiti hanno dimostrato ancora una volta l'eccellente livello di efficienza ed efficacia dell'Aeronautica Militare nelle operazioni oltre confine, come ampiamente riconosciuto in ogni consesso, sia esso nazionale che all'estero".

Il Colonnello Cracas, Comandante della Task Force, ha ringraziato tutto il personale evidenziando come i risultatidifesa5 dell'operazione 'Frontiera Baltica' siano "la dimostrazione della grande professionalità ed il frutto di un continuo e costante addestramento, sia in Patria che all'estero degli uomini e donne in azzurro, ma anche prova di responsabilità, sensibilità e consapevolezza del delicato compito in un difficile contesto internazionale".

La TFA in Lituania ha interagito molto anche con la comunità locale, con frequenti e ripetute relazioni con le autorità nazionali e locali, ricevendo visite di autorità, delegazioni e scolaresche e con iniziative di cooperazione civile e militare (CIMIC), che hanno contribuito a creare e rafforzare quel rapporto di reciproca fiducia e stima, caratteristica del "comprehensive approach" italiano nelle Operazioni militari Fuori dai Confini Nazionali (OFCN). Sono state attivate,difesa3 inoltre, iniziative a scopo umanitario con vari orfanotrofi di Šiauliai e Vilnius, che hanno visto il coinvolgimento del personale della TFA e delle loro famiglie a casa, come anche di realtà produttive e "no-profit" nazionali, nel dare loro un segno tangibile della presenza italiana in Lituania con raccolte di beni di prima necessità e di sostegno per quei bambini più sfortunati, anche offrendo loro una finestra sulla cultura e le tradizioni del nostro Paese.

Negli otto mesi della missione "Frontiera Baltica" più di 1.200 persone hanno visitato la TFA, di cui circa 800 studenti tra i 6 ed i 18 anni e 400 visitatori, tra autorità nazionali e locali, delegazioni parlamentari, associazioni militari e del tessuto civile lituano”.

(Fonte: TFA - Šiauliai – Lituania Autore: Magg. Antonio Caliandro

Commenti  

 
#8 eskimo 2015-09-08 16:00
Anch'io sono un ex 36 stormo, so come vanno le cose nelle FA (a parte alcune missioni all'Estero) e sono perfettamente d'accordo con Cucù. Difesa ? e da chi? Negli ultimi 30 anni le FA italiane sono state impegnate non per la difesa ma solo per supportare azioni militari o situazioni post belliche volute da terzi, molte con esiti infausti e controproducenti.
Ciò ha comportato azioni di difesa del suolo italiano ? Non me ne sono accorto. So solo che i costi pagati dai contribuenti sono solo serviti per azioni politicamente senza senso.
Lasciamo da parte l'amor patrio che qui non c'entra niente e che non è in discussione..........
 
 
#7 MARAUDER 2015-09-08 10:51
L'abbiamo fatto tutti il militare...sappiamo bene come vanno le cose nelle F.A.
 
 
#6 io io 2015-09-06 13:29
Nulla ,anzi ci guadagna. Prima di sfiatare dalla bocca informati.
 
 
#5 fORZA 2015-09-06 12:20
In questi casi i costi sono affrontati per la maggiorparte dai paesi ospitanti, e ci danno cosi possibilita' di crescere, volare ( ormai non ci sono piu' soldi per farlo per i tagli alla difesa) e creare sinergie interforze molto ma molto costruttive... prima di parlare bisognerebbe sapere.
 
 
#4 X Cucù 2015-09-06 11:18
Hai visto Colacicco Donato esponente di Prodigio, :D
 
 
#3 ex 36° 2015-09-06 05:17
egregio(si fa per dire)cucù dovresti solo vergognarti di fare simili affermazioni comunque queste missioni vengono sempre a costare meno di quanto i tuoi politici hanno rubato a te contribuente.
 
 
#2 Tricolore 2015-09-05 23:08
Cucù, dovresti soltanto prostrarti davanti ad una Forza Armata come quella dell'Areonautica che garantisce ogni giorno la nostra Tua da contribuente sicurezza...pertanto abbi la creanza di non sfoggiare altri commenti inutili e populisti !!!
 
 
#1 cucù 2015-09-05 20:26
quanto è costato al contribuente italiano tutto questo inutile sfoggio di efficienza?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI