Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

CONFERENZA. “SI PUÒ ANCORA GUADAGNARE DAL LATTE?”

Latte in polvere per formaggi no Coldiretti

NICOLA GIANNICO Sarà il giovane agronomo Nicola Giannico il 1° settembre alle ore 10.30, nella sala De Deo, ad incontrare gli allevatori per rispondere ad uno dei quesiti che attanaglia la categoria, messa in crisi ancor più che dal prezzo basso del latte, dalle quote e dalla polverizzazione per uso industriale dell’oro bianco, dall’incapacità di progettare investimenti vincenti in rete.

“Si può ancora guadagnare dal latte?” è il titolo di questa conferenza di grande attualità, fortemente voluta dall'Ordine degli Agronomi e dalla Confagricoltura.

Parteciperà all’incontro moderato da Federico Antonicelli, presidente della Confartigianato, anche il perito Michele Casulli.

Nel corso dell’incontro si discuterà di impresa, di bilanci, di infrastrutture, alimentazione, investimenti.

Spesso - dichiara Nicola Giannico - si confonde l’assistenza con la consulenza. La prima è un servizio che può essere offerto da qualunque associazione di categoria, il riferimento è alle P.A.C. ai muretti a secco… la seconda implica conoscenze approfondite in quanto permette di apportarConferenza lattee modifiche vincenti alla gestione dell’impresa, risollevandone le sorti. Non saranno contributi a pioggia o fondi europei a sanare le aziende zootecniche, illudersi è anacronistico, in quanto questi contributi sono destinati a scomparire. Occorre rimboccarsi le maniche, leggere le continue trasformazioni del mercato e adottare delle strategie che consentano all’azienda di anticipare la domanda offrendo un prodotto di qualità e di consorziarsi per portare avanti strategie di marketing efficaci. Il futuro della zootecnia è affidato alle medie imprese, quelle realtà che con 70 - 100 capi investono su se stesse, allestendo in parallelo e sul posto una produzione di latticini, magari utilizzando anche robot per la mungitura per contenere i costi ed avere più tempo da dedicare alle altre attività.”

Il problema più grande è la mancanza di infrastrutture che va a vanificare anche il loro impegno. Non è un caso che settimanalmente diverse imprese chiudano i battenti e le stalle.

“Gli allevatori lamentano un prezzo del latte eccessivamente basso, eppure i 35 centesimi al litro, per quanto pochi, sono tanti se paragonati ai 29 pagati in Spagna e più o meno alla stessa cifra in Olanda. Le normative legate all’utilizzo del latte in polvere - conclude l’agronomo - non incidono direttamente sul settore… invece di venderlo al caseificio lo venderanno all’azienda che lo trasforma”.

Occorre, quindi, tenere alta la qualità, se possibile diversificare l’offerta e attrarre verso l’azienda, portare sul posto turisti e clienti organizzando degustazioni ed eventi culturali, come accaduto in un frantoio di Bitonto che ha addirittura stipulato accordi con le agenzie turistiche e accoglie i turisti in crociera.

 

Commenti  

 
#10 gnomo x 2015-09-07 13:35
caro/a bla bla ma quale sala de deo piena!io c'ero e a malapena eravamo in 30/40 max.....sono state 2 ore di contenuti di scarso livello e solo una facciata per gente che non centra nulla con la campagna
 
 
#9 blablacar 2015-09-01 13:45
Sala De Deo strapiena... Gioia merita tutto questo
 
 
#8 sarto 2015-08-31 13:34
Ma si scherza? moderatore Antonicelli, ancora lui?....
 
 
#7 THE JAKAL 2015-08-31 12:56
x dott. giannico...nulla contro la sua persona o la sua professionalita', è la presenza di un tale moderatore che "lascia perplessi". soprattutto di chi ha fatto parte di una classe politica che ha affamato GIOIA ED I GIOIESI , E CHE HA GUARDATO SOLO AI PROPRI INTERESSI.....ED ADESSO CERCA...DI RICICLARSI IN OGNI MODO.........MA I GIOIESI NON DIMENTICANO .....BASTI GUARDARE IL MURO FERROVIARIO DELLA VERGOGNA.......A LEI E SOLO A LEI DOTT. GIANNICO BUON LAVORO.
 
 
#6 dr Giannico Nicola 2015-08-31 12:29
Ci tengo a precisare che non è un evento politico, non si discuterà di politica agraria o robe simili. Pertanto ritengo opportuno precisare che si tratta di un seminario che ha lo scopo di divulgare le tecniche di gestione aziendali di un'azienda zootecnica efficiente.
 
 
#5 Mirco 2015-08-31 11:24
(Poi ci sono allevatori che scendono in piazza per dire no al latte in polvere e poi magari vendono latte in polvere ben miscelato con il siero di qualche caseificio amico. )
Prima di parlare e scrivere informatevi sul prezzo del latte in polvere per l'alimentazione umana e latte in polvere per l'alimentazione animale.Hanno un costo esorbitante rispetto al latte fresco a nessun caseificio conviene acquistarlo e utilizzarlo.Non c'è alcun risparmio.Sveglia!Poi tra l'altro con la fine delle quote latte,gli allevatori posso immettere più latte nel mercato locale producendolo senza limiti per cui è giunto il momento di prendere la palla al balzo e creare un marchio dop del latte gioiese, e soddisfare la richiesta di latte locale(visto che prima era limitata dalle quote latte).
 
 
#4 Gioiese 2015-08-31 08:33
Campagna elettorale!!!
E gli allevatori ci stanno ???
Antonicelli non si risparmia neppure il LOGO.
Non ho parole!
 
 
#3 M5S 2015-08-31 07:00
Poi ci sono allevatori che scendono in piazza per dire no al latte in polvere e poi magari vendono latte in polvere ben miscelato con il siero di qualche caseificio amico.
Nicola smascherarli tutti è un dovere.
L'onestà tornerà di moda
 
 
#2 the jakal 2015-08-30 21:08
ma gli danno ancora "l'agibilità" di entrare in comune??????
 
 
#1 cittadino 2015-08-30 14:00
Antonicelli chi?????? quello lì???? e che c'entra sto trapezista politico?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI