Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

"UN SEGNO DEL CIELO, COSA CI VOLEVA DIRE SAN FILIPPO?"

SORRISO DI SAN FILIPPO

SORRISO DI SAN FILIPPO Martedì 26 maggio, festa del nostro Patrono San Filippo Neri, si è aperto col suono delle campane della Chiesa Santa Maria Maggiore, dove risiede l’immagine del Santo. Cielo cupo, grosse nuvole avvolgevano il cielo. Un tempo che non garantiva nulla di buono. Si scrutava in alto ansiosi, pregando San Filippo di rasserenarsi almeno per la processione che doveva uscire alle ore 19, dopo la messa solenne celebrata dal nostro Mons. Franco Cacucci - Vescovo della Diocesi di Bari. Nel pomeriggio, stesso cielo cupo, nuvoloni minacciosi su Bari e paesi limitrofi. Odore di pioggia in arrivo anche da noi.

San Filippo, all’ora stabilita, con grande gioia dei bambini e di tutta la gente, si è mosso dalla Chiesa per recarsi in Piazza Plebiscito, dove avviene la tradizionale consegna delle chiavi del paese, questa volta da parte del Commissario Prefettizio, dott.ssa Rossana Riflesso. Giunto in piazza, fra lanci di rose, quest’anno tantissime, il rito delle chiavi ha avuto inizio, a cui ha fatto seguito il discorso del commissario e altro. Alzando gli occhi al cielo si è notata la formazione di una improvvisa schiarita che interessava solo la zona della piazza.

Teresa Milano, gioiese, innamorata del nostro patrono, dalla mattina l’aveva tanto pregato di rasserenare il cielo per la sua processione. Emozionata e stringendosi le mani al cuore, ha notato l’arcobaleno, ma la cosa che le ha fatto percepire come un messaggio silente nel suo cuore, l’arcobaleno, speciale unico a forma circolare come un’aureola - ho detto io - quando me lo hanno raccontato altre persone - mentre Teresa ha esclamato “un sorriso”. La zia che le era accanto,SORRISO DI SAN FILIPPO Maria Rosaria Milano, anche lei emozionata e tremante ha scattato una foto. La gente intorno ha cominciato a mormorare, è un segno del cielo, cosa ci vuole dire San Filippo?

A pochi chilometri da noi, pioveva a dirotto, su Gioia, neppure una goccia. Poi il cielo si è un'altra volta oscurato, si è alzato un fresco venticello. La processione ha fatto il giro del paese, ma nemmeno una goccia d’acqua ha rovinato l’elegante corteo di fedeli, militari e autorità, anche dei paesi limitrofi.

La stessa Teresa, ancora turbata, mi ha raccontato che mentre tornava a casa, ha trovato pioggia ovunque. La Sig.ra Maria Rosaria è rimasta smarrita, ma solo una foto è venuta chiara, le altre a causa dell’emozione e del tremolio delle mani erano sfocate. Di sicuro qualcuno borbotterà che sono tutte bazzecole, che viviamo di queste fantasie, ma molti non la pensano così.

Oggi più di uno si chiede: “Come interpretare quel segno? Cosa ha voluto dirci San Filippo, il così definito ‘Giullare di Dio’? Ha voluto farci uno scherzo?” Il nostro cuore è speranzoso. Non cessiamo mai di pregare, di confidarci con Lui, che conosce il nostro Paese, le persone, quelli che hanno il cuore gelido, i nostri futili capricci, le errate prese di posizione. Il suo cuore brucia ancora d’amore, ascoltiamolo; le parole a volte saranno dure come pietre, altre volte come petali di fiori che inebrieranno le nostre ore più tristi. Con tutti i seri problemi che ci attorniano, sorridiamo alla vita, perché non è lei che ci delude ma… le persone povere nel cuore.

Commenti  

 
#17 MARAUDER 2015-06-15 10:47
Io invece ci vedo il logo di Amazon.
Non è che le divinità si stanno adeguando alla nuova era digitale?
 
 
#16 F. Giannini 2015-06-13 12:34
So che passerò per bigotto o visionario,per quello che dirò, però ognuno, secondo il proprio credo religioso o politico dovrebbe avere il diritto di esprimere il proprio pensiero.
Tredici giorni prima della festa di San Filippo abbiamo assistito a livello europeo ad uno scontro sulla questione di accoglimento dei migranti, con a capo la Gran Bretagna.
A ben vedere la seconda foto riportata nel post è da visionari intravedere in basso a sinistra il contorno della parte dell'Africa che comprende la Tunisia, il Golfo di Tunisi, il Golfo di Gabes e la Libia, zone da cui provengono i migranti?
Ed è peregrina anche pensare all'arcobaleno rivoltato come ad una barca?
Ed è possibile intravedere al di sopra dell'arcobaleno delle nuvole che assumono la forma della Sicilia o meglio della dorsale appenninica italiana?
Per non stancarvi il completamento delle ulteriori visioni le affiderò alla seconda edizione del libro su San Filippo.
 
 
#15 Bertrand 2015-06-13 07:43
D'altronde qua esiste ancora l'ora di religione.
Dalle scuole primarie addirittura!
Questo articolo - non essendo questa 'testata' Famiglia cristiana - è offensivo nei miei riguardi alla stregua del crocifisso nei luoghi pubblici.
Riconosco però lo scarso senso critico dei cristiani e quindi l'inutilità di questo mio commento.
Ramen

La Redazione
E chi ha parlato male delle altre religioni? Fino a prova contraria esiste ancora la libertà di culto oltre che di espressione.
Buona giornata, a tutti.
 
 
#14 Nessun dorma 2015-06-12 22:27
Scusi,se insisto,signora Marisa, l'evento "atmosferico" si è notato solo a Gioia, proprio perché,pioveva nei paesi limitrofi e qui no. Comunque concordo con lei..bisogna essere rispettosi dell'altrui pensiero e non puntare il dito contro nessuno. Il Medioevo è passato già da un po' ..e per favore,non chieda a San Filippo di cambiare anche il mio cuore perché a me piace così com'è... Cordiali saluti
 
 
#13 Marisa/ 2015-06-12 19:52
CARO "cittadino attento"! - la pensi come vuole, si è fatto un pensierino personale, perchè proprio nella consegna delle chiavi, solo sulla piazza, mentre intorno ai paesi limitrofi pioveva, si è verificato questo straordinario evento?. Poteva essere notato in altri paesi vicinissimi a Gioia, perchè proprio a noi?. La Fede non è fantasia, è amore verso Dio e verso il prossimo. La prego non ci chiami "ridicoli". Un proverbio dei nostri saggi anziani ci ricorda: "scherza con i fanti, ma non con i Santi" . La saluto cordialmente. San Filippo, possa benedirla e cambiarle il cuore.
Un grazie al Prof. Giannini, e alla Direzione.
 
 
#12 mammamia 2015-06-12 13:18
veggenti,visionari,fedelissimi di questo o quel santo,MAMMAMIA,chi vede in sogno PADRE PIO,chivede S.FILIPPO,chi parla con S.ROCCO, certo che la festa di questo anno,se ne sono sentiti e visti....!
 
 
#11 Nessun dorma 2015-06-11 21:32
È un fenomeno meteorologico, provocato dalla dispersione ottica della luce solare che attraversa le gocce di pioggia o si può anche manifestare come ha spiegato già il sign Meteo #5 È regolato dalle leggi scientifiche di riflessione e di rifrazione della luce. La spiegazione del fenomeno è stata oggetto di numerose interpretazioni "mitologiche".La religione Cristiana lo interpreta come un segno del patto tra Dio e l'umanità: dopo il diluvio universale, Dio inviò un arcobaleno come promessa che non avrebbe mai più inondato la terra. Insomma Medjugorje docet. Concordo con Papa Francesco che afferma: " alla fede non servono veggenti" e aggiungo questo mio pensiero: ognuno vede ciò gli fa comodo vedere...in base alla sua cultura, credo religioso o altro. Saluti
 
 
#10 Cittadino Onesto 2015-06-11 20:00
San Filippo voleva dirci di non trascurare a scuola lo studio della fisica... in particolare la RIFRAZIONE!!!!!!
 
 
#9 Marisa/ 2015-06-11 19:24
ESATTO PROF. GIANNINI E' CAMBRIDGE - è stato nello scrivere un mio errore. Mi scuso. Buona serata. Un caro saluto.
 
 
#8 pedro.... 2015-06-11 16:01
quello e il segno che ha dato ai gioiesi . cia fatto capire che lui da la sù ci vuole bene e ci protegge!!viva san filippo il nostro amato santo!e che lui ci guidi alla preghiera perchè solo cosi si può salvare il mondo!!
 
 
#7 F. Giannini 2015-06-11 15:12
@ Marisa
una precisazione:
si tratta di Chemberig o di Cambridge?

La Redazione
E' Cambridge.
Saluti
 
 
#6 Meteo 2015-06-11 14:19
E' un semplice effetto atmosferico, non frequente, dovuto al riflesso della luce sui cristalli di ghiaccio sospesi nell'atmosfera che formano i cirri (nuvole alte formate da particelle di ghiaccio che non danno luogo a precipitazioni), i cirrostrati e i cirrocumuli ad altitudini sopra i 6000m.
La luce che colpisce i cristalli di ghiaccio viene riflessa e rifratta dai cristalli stessi, e può presentarsi con i colori di base a causa della dispersione ottica, dando un effetto simile a quello degli arcobaleni.
 
 
#5 Cittadino attento 2015-06-11 11:50
Ma non siate RIDICOLI!!!
Un saluto a tutti.

La Redazione
Ridicoli? E perchè mai? Perchè c'è chi abbina questo evento, rarissimo, soprattutto dalle nostre parti, alla Fede? In qualsiasi circostanza, prima di tutto viene il rispetto dell'altrui pensiero, a prescindere dalle proprie convinzioni. Si può discutere quanto si vuole, ma sempre nel limite della correttezza. Purtroppo c'è sempre chi va aldilà del dialogo costruttivo che dovrebbe esserci tra persone civili.
Buona serata a tutti.
 
 
#4 Marisa/ 2015-06-11 10:50
Grazie Prof. Giannini, scriva questo fenomeno visto proprio nel momento della consegna delle chiavi. Adoro svisceratamente San Filippo, sono nata sotto il suo segno e amo le cose che lui adorava "tutte le bellezze della natura" Tanti complimenti a Lei e al mio amico Sebastiano per il libro su San Filippo "A TUTTO TONDO" - una "chicca preziosa" che tutti dovrebbero avere in casa. Un caro saluto.
 
 
#3 Maris 2015-06-10 21:25
Grazie Direzione, un segno che non dimenticherò facilmente perchè è accaduto proprio nel 500° anno della Nascita del nostro Santo Patrono- un segno che accade ogni 100 anni, apparso per la prima volta nel 2008 a CHEMBRIG, notato per caso da un' astrologa e suo marito un fisico. Un evento prodigioso che rimarrà nella storia di quest'anno. Sapendo che è accaduto proprio a noi ha dell'incredibile. Abbiamo vissuto un evento unico e nessuno ci ha fatto caso, anzi hanno mormorato che sono fantasie. Molti non la pensano così. Bisogna farlo sapere - secondo me - anche ai giornali, come la Repubblica, la Gazzetta del Mezzogiorno ecc. Grazie - Marisa.
 
 
#2 Grazie a me 2015-06-10 20:34
:-? l'ho fotografato anche io questo strano arcobaleno, la prima volta nel momento in cui san filippo era in piazza e la seconda volta un paio di giorni dopo! Bello, particolare e fino ad allora, Mai visto!
 
 
#1 F. Giannini 2015-06-10 19:19
Nella prossima pubblicazione su San Filippo darò una mia spiegazione su quell'avvenimento e su altri avvenimenti e coincidenze che intercorrono tra San Filippo e Gioia del Colle negli ultimi venti anni.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI