Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

LIBRO DI GIUSEPPE MASTROMARINO AL CIRCOLO UNIONE-foto

presentazione libro giuseppe mastromarino

presentazione libro giuseppe mastromarinoVenerdì 22 maggio presso il Circolo Unione, Giuseppe Mastromarino ha presentato il suo libro, “G. Semeria e G. Minozzi: due grandi cappellani nella Grande Guerra”, in occasione del centenario dell’entrata in guerra dell’Italia.

L’appuntamento ha aperto le tre giornate di memoria “onoriamo i caduti, costruiamo la Pace” organizzate dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Regionale Bersaglieri.

Il dibattito, aperto dai saluti del presidente del Circolo, è poi proseguito con l’introduzione storica del professor Gaetano Morese, che ha ampiamente illustrato la situazione antecedente il conflitto, le premesse, le cause scatenanti e tutte le peculiarità e innovazioni tecnologiche che ne hanno reso possibile l’espansione a un numero di stati mai prima di allora così elevato.

Mai prima di allora, inoltre, si erano date le condizioni per cui ogni singola battaglia potesse trasformarsi in una carneficina di proporzioni spaventose, arrivando addirittura a influire sulle sorti della popolazione civile, connessa in maniera diretta o indiretta con lo sforzo bellico e con la produzione di armamenti. Un’intera generazione fu decimata in uno dei più grandi massacri della storia mentre l’Europa tutta ne uscì economicamente e moralmente stremata, avendo dissipato in esso tutte le sue migliori potenzialità.

Nel contesto del logoramento delle truppe in trincea e del sacrificio di civili inermi e soldati inesperti, due grandi cappellani quali padre Minozzi e padre Semeria decisero di dedicare tutta la propria vita alle vittime e agli orfani di guerra, dando vita ad un progetto attraverso cui cercarono di alleviare le immani sofferenze di coloro i quali, presentazione libro giuseppe mastromarinoin maniera del tutto inconsapevole, si ritrovarono schiacciati dai meccanismi della storia e dall’insensatezza della violenza.

Fu così che nacquero le circa cinquecento “Case del Soldato”, la cui finalità principale era quella di fornire sostegno morale, conforto materiale, educativo, di promozione dell’alfabetizzazione e di assistenza a chi era costretto a vivere in prima persona l’atrocità della guerra.

L’istituzione dell’Opera Nazionale per il Mezzogiorno d’Italia testimonia invece lo sviluppo sociale del progetto di padre Minozzi e padre Semeria, che ritennero opportuno agire, a gupresentazione libro giuseppe mastromarinoerra conclusa, a favore di tutti gli orfani che la Grande Guerra aveva prodotto.

Il libro di Giuseppe Mastromarino elabora e propone al lettore una storia spesso sconosciuta, ma che rappresenta una memoria inedita di grandi opere di assistenza e vicinanza all’uomo in un periodo durante il quale la compassione umana non poteva trovare lo spazio che merita, aiutandoci a comprendere il valore della pace come termine fondamentale di giustizia e a riflettere sulla follia della guerra e sull’insensatezza della violenza.

Così il ricordo diventa strumento per riconoscere gli errori del passato e mezzo attraverso il quale evitare di ripercorrere la strada dell’odio, della violenza e dell’irrazionalità e il sangue di quanti perirono in guerra non sarà stato versato invano. [foto Mario Di Giuseppe]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI