Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

SAN FILIPPO. FIOCCANO LE LAMENTELE SUL COMITATO

base in legno san filippo

base in legno san filippoAnche quest’anno è stata una festa di San Filippo che passerà alla storia non solo per la immutata fede nel Patrono della città, ma anche per i “fuochi” che alcuni accadimenti hanno acceso nei cuori dei gioiesi.

Dal furto, con successivo ritrovamento, della reliquia del Santo, al discusso programma civile che anche quest’anno sembrerebbe abbia scontentato gran parte dei cittadini. Ai malumori che continuano a serpeggiare nei confronti di alcuni componenti il Comitato, compreso lo stesso Don Tonino Posa, per alcune scelte portate avanti senza ascoltare la base.

Un malessere, non più tanto latente, esploso anche nel corso delle processioni, così come evidenzia un fedele in una sua missiva inviata alla nostra redazione.

“Vorrei porgere la vostra attenzione ad una cosa per la quale sono rimasto veramente male. Nella processione della piccola immagine di San Filippo del giorno 25, e nella serata in cui si è festeggiato il Santo, è stata utilizzata una base, a sostegno della statua, per me orribile, decidendo di lasciare la storica base in legno, ritagliata e donata dal nostro indimenticato artista e concittadino Benito Tateo nel 1983, abbandonata in chiesa. Per me è stata una scelta inopportuna – continua la nota-, che andava evitata, proprio in occasione del quinto centenario della nascita del nostro Santo patrono. Mi sono arrabbiato con alcuni membri del comitato, ma ho avuto risposte un po’ provocatorie, del tipo non sono fatti miei. Ma io sono convinto che non si possano cancellare le tradizioni. Scusatemi per lo sfogo – conclude -, ma ritengo sia opportuno far arrivare queste lamentele al presidente effettivo Don Tonino Posa. Grazie a voi tutti per la cortesia”.  

Commenti  

 
#29 obiettivo 2015-06-02 08:43
è vivo in tutti il senso profondo della festa patronale.
 
 
#28 ù scopone 2015-06-01 16:13
In risposta alla GENTILE REDAZIONE di GIOIANET,per la risposta data ad ACHILLE.Bravo STOPPINI.Finalmente hai capito anche tu che gente stà in questo comitato.Solo apparire..apparire.

La Redazione
Il riferimento era generale, non solo al comitato e senza escludere i fedeli. Quindi anche quelli che stanno sempre ad osservare senza mai fare nulla. San Filippo bisogna onorarlo non strumentalizzarlo per fini personali. E questo vale anche per i politici di turno, di qualunque colore e da qualunque parte provengano. Spero di essere stato chiaro.
Buona giornata a tutti.
Donato Stoppini
 
 
#27 Achille 2015-05-30 23:19
Vero e degno comitato in passato? E tutti i debiti chi li ha accumulati? Ma di che stiamo parlando? Politica?! Ecco cosa facciamo TUTTI: prima il resto poi il Santo. Speriamo che S.Filippo non si arrabbi! Dovremmo essere più umili e rispettosi l'un l'altro. nessuno è migliore di altri. Meditate gente!

La Redazione
Basterebbe soltanto allontanare chi vorrebbe entrare o è già dentro solo per motivi che esulano dalla fede. La politica e i politici devono starne fuori, e in questo il comitato pro San Filippo dovrebbe darsi delle regole molto ferree, ammesso che non ci siano. Anche nei confronti di chi lo utilizza solo per apparire. Altrimenti tutto sarà inutile e si continuerà in questa inutile lotta a difesa delle proprie posizioni. Ormai San Filippo sembra sia diventato solo un....corollario della festa. Oggi, a quanto è dato vedere, non è più al centro di un vero culto, a cui si dovrebbe donare anima e corpo, come accadeva anni, ma tanti anni fa. Tutto è apparenza, anche da parte degli stessi...fedeli.
Buona notte a tutti.
Donato Stoppini
 
 
#26 indignato 2015-05-30 14:27
Filippo verrelli parli a favore del comitato xkè hai a cuore il tuo papà......ma nn è così!! Cè gente ke negli anni passati ha saputo veramente formare un vero e degno comitato festa patronale e nn uno improvvisato di cuii facenti parte sono uomini e donne ke nn ne capiscano nulla di vere feste....prova a girarti intorno e vedi un attimino cosa voglio dire......
 
 
#25 pedro.... 2015-05-30 14:12
ma perchè anno tolto la bassa musica dava un altr armonia quando anticipava la processione!!
 
 
#24 Augusto Angelillo 2015-05-30 13:45
Si parla molto della festa organizzata così così o al di sotto rispetto alle organizzazioni dei paesi limitrofi. Forse i 500 anni dalla nascita di san Filippo meritavano qualcosa in più... ma questa è la nostra città, dove un commerciante da 5 euro di offerta, dove si arriva (anche se per disperazione) a rubare la reliquia del Santo, dove si continua ad andare nei paesi limitrofi per il gusto di non dare soddisfazione al gioiese che organizza e così via.
Ripeto, probabilmente si poteva fare di più ma tutti insieme. E' relativo se far parte o meno del comitato, le porte erano aperte, il cittadino... la singola associazione... poteva intervenire e proporre... questo non è stato fatto.
La processione di sera? Erano anni che doveva essere fatta la cosa, ma il parroco che è stato a Gioia per ventisette anni non ha mai avuto il coraggio di prendere questa decisione, così come il suo successore... don Tonino lo ha fatto... la cosa può essere migliorata? Sicuramente! Ma ognino abbia il coraggio di prendersi le proprie responsabilità, a partire da tutti quelli che continuano a scrivere usando acronimi sigle e quant'altro.
 
 
#23 ù scopone 2015-05-30 10:54
Perchè non raccogliamo firme,e li mandiamo al VESCOVO,cominciamo ad avvisare la CURIA,chi... fa e disfa a suo piacimento!...
 
 
#22 Amanda 2015-05-30 09:51
Caro Tonino/ fruttivendolo, finchè avremo la vicepresidente ai comandi(fortemente voluta da DON TONINO)l'architetto e l'ex finanziere, non cambierà mai niente.
Questa è pura....verità.
DON TONINO apri gli occhi, ma si può attaccare manifesto funebre alla cassa Armonica?????, penso di nò bisognerebbe multare chi lo ha fatto - SONO manifesti ABBUSIVI - DON TONINO mi fermo qui spero che il Vescovo venga a saper del LAVORO svolto ...
 
 
#21 F. Giannini 2015-05-30 09:36
Questa sera, alle ore 18,30 nel chiostro del Comune di Gioia insieme all'amico Sebastiano Lagosante e con la presenza del Vicario Generale della Diocesi di Bari-Bitonto, Mons. Domenico Ciavarella,sarà presentato il libro " A tutto tondo. San Filippo Neri Patrono di Gioia del Colle".
E' un modo per far conoscere meglio, e onorare, il nostro Santo Protettore, in occasione del V Centenario della sua nascita e per ricordare come in passato i gioiesi hanno espresso la propria devozione per Lui.
Al libro, scritto a quattro mani, hanno dato la collaborazione numerosi concittadini, verso i quali va il nostro ringraziamento.
 
 
#20 carmine 2015-05-30 07:37
Caro Filippo verrelli fino a qualche anno fa la celebrazione del 27 maggio era in san Francesco poi si e pensato ( deciso) di celebrarla all' esterno posticipando così quella del 25 maggio. Io poi nel mio commento ho detto di celebrarla in chiesa madre no in san Francesco in quanto la nostra chiesa non può contenere tutta quella gente perché adesso a differenza di qualche hanno fa vi partecipano anche ammalati forestieri.
 
 
#19 xxx 2015-05-29 23:44
rispondo al SIGNOR VERRELLI.Ho fatto notare come dice lei,al presidente nuove idee,e nomi che potevano essere di spicco peri 500 anni della festa,ebbene....la risposta è stata negativa,così come quando si parla con la vicepresidente,la risposta è.:abbiamo già deciso chi mettere.Non ascoltate nessuno.Quindi non dite menzogne,poi mi spiegate perchè decidete voi chi deve fare parte del comitato? MI risponda VERRELLI.
 
 
#18 Tonino/fruttivendolo 2015-05-29 21:05
Povero San Filippo, certo che ne abbiamo visto quest'anno cose strane! Dal furto della reliquia alla rinnovata, base del busto di San Filippo,orribile - da carnevale di RIO - al manifesto funebre attaccato alla cassa-armonica. Poi, una processione sconcertante, poco ordine (come sempre) i bambini della prima comunione con i cellulari accesi che leggevano i messaggi, la sfilata dei politici, e la ineducazione del Comitato Festa Patronale. comandato a bacchetta. Don Tonino, sempre più attaccato a questo comitato, scontroso e indifferente a chi gli ha fatto notare alcune determinate cose che non andavano bene. L'unica cosa bella che ricorderemo è il segno nel cielo - l'arcobaleno come un sorriso, quando sulla piazza si è improvvisamente schiarito il cielo, mentre nei nostri paesi limitrofi diluviava. La ricorderemo questa festa, certo che la ricorderemo, sperando che l'anno prossimo si cambi il comitato e venga un gruppo di veri amatori delle cose belle e fatte per bene, anche sicuramente con meno soldi. Arrivederci - se DIO vorrà - all'anno prossimo.
 
 
#17 indignato 2015-05-29 18:54
Ma cm mai nei giorni principali dei festeggiamenti il sig. Gianfranco tria rivestiva i panni di componente del comitato anke se nn lo è più ormai da 2 anni?? Sapete spiegarmelo?? E poi dv erano qll sfilza di nomi di fatti durante l'insediamento oppure trascritti sull'opuscoletto? Rivedete un attimo le carike nel comitato....
 
 
#16 Filippo Verrelli 2015-05-29 15:45
Come al solito si è più bravi a disprezzare che a lodare l'operato altrui. Nessuno di noi è perfetto ma credo che quest'anno si sia davvero voluto trovare il pelo nell'uovo criticando la nuova base per il busto argenteo di San Filippo. La messa del 27 è giusto farla in piazza dato che poi da lì parte la processione col busto argenteo (sicuramente ci si potrebbe organizzare meglio per i posti a sedere) e dato che se la si facesse in chiesa madre ( o a san Francesco) ci sarebbe una dispersione di gente nel prim caso e uno spazio inferiore a disposizione nel secondo. Non credo infine che cambiare base volesse dire "dimenticare" un artigiano storico di Gioia e credo anche che non sia giusto prendere "ad esempio" un altra festa di un paese limitrofo poichè ogni città ha le proprie tradizioni e i propri classici. Per far parte del comitato basta parlare con il presidente e dimostrare di avere competenze utili al fine, non solo critiche improduttive. State sereni che al massimo vengono aggiunti soldi extra e non il contrario. Le ricevute vengono fatte.La festa quest'anno è stata davvero da ricordare in positivo vedo inutili tali polemiche!
 
 
#15 peppino 2015-05-29 15:42
dico al gioieseverace ma non ho capito ci voleva don tonino a trasformare questa festa? pensa se lo avesse fatto in un altro paese limitrofo la festa di san filippo ha le sue usanze perchè cambiarle??e un atto di presunzione!!
 
 
#14 Vito Giuseppe 2015-05-29 14:18
Il busto argenteo del 1924 che ha la sua storia e la sua tradizione posizionato per le processioni su una base moderna a duplefax ignorando sia l'artista Benito Tateo che la realizzò nel 1983 che la tradione di questo paese. Riflettete non ci vuole un architetto per mettere su una festa ma il buon senso di tutti verso tutti.
 
 
#13 emili........ 2015-05-29 12:03
come mai le offerte per San FIlippo non sono munite più di ricevute? Che fine fanno questi soldi.............................
 
 
#12 che tristezza 2015-05-29 11:40
Non posso commentare circa l'organizzazione della festa non essendo un tecnico della materia. Comunque il giudizio è positivo. Cio' che non posso accettare è l'aver asservito una processione religiosa alla passerella per la campagna elettorale. Si possa essere di destra, di centro o di sinistra, ci si possa chiamare VENDOLA, FITTO, EMILIANO, SCHITTULLI, POLI BORTONE NON CONTA, QUELLO CHE RITENGO DISDICEVOLE è AVER PERMESSO CHE ANCHE UNA PROCESSIONE RELIGIOSA FOSSE MESSA AL SERVIZIO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE. QUESTO DIMOSTRA ANCORA UNA VOLTA IL BASSO LIVELLO A CUI SI è GIUNTI. NON VI LAMENTATE SE IL GIOIESE NON DA CREDITO A QUESTO COMITATO, QUESTO EPISODIO LA DICE LUNGA SIA SUL COMPORTAMENTO DELLA CHIESA... SIA DEL COMITATO ORGANIZZATIVO.

La Redazione
E cosa avrebbero dovuto fare? Cacciarli o proibire la loro partecipazione? Entrambe le cose non si possono fare. La decisione, se partecipare o meno era a d esclusivo carico dei politici e al loro buon senso. E alle migliaia di fedeli presenti quella di trarre le dovute conclusioni.
Buona giornata a tutti.
 
 
#11 mal di stomaco 2015-05-29 10:02
Per commento n.1: ti capisco, purtroppo in nome della tolleranza "A PRESCINDERE", ci dobbiamo tenere fiumi di ambulanti senza licenza, "senza gabinetto" e senza senso civico, mentre i nostri bravi commercianti regolari continuano a ricevere cartelle vessatorie da parte di EQUITALIA ogni giorno. Ognuno si tenga il proprio mal di stomaco, dobbiamo pur pagare un prezzo per così tanta libertà e "Democrazia" no?
 
 
#10 coerente 2015-05-29 09:23
come festa è andata bene per l'orario è meglio la sera perchè prima di mattina la processione partiva bene con le "autorità" civili e militari e tutti i fedeli in processione.Però arrivate le ore 13 tutti a casa per preparare il pranzo e il Santo Patrono si ritirava da solo con la banda.Adesso almeno qualcuno resta fino alla fine.Poi non chiediamo l'impossibile al comitato con tutti i soldi che stanno spendendo per una inutile campagna elettorale i ns. candidati avrebbero fatto meglio devolverli alla festa del loro "amato" così dicono paese.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI