Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ CON “I LADRI DI CARROZZELLE”

ladri di carrozzelle

Ladri-di-Carrozzelle Un percorso che si snoda sul valore della solidarietà e della carità, quello intrapreso dalla comunità religiosa e civile di Gioia del Colle. Un cammino che si consolida questa sera, mercoledì 27 maggio 2015, quando in occasione dei festeggiamenti per il Santo Patrono “San Filippo Neri”, si terrà la “Giornata della Solidarietà”. Un momento che sofferma l’attenzione sull’importanza dell’Altro e dello stare assieme, dell’attenzione e delle cure da rivolgere al prossimo, azione che tra l’altro si concretizza con l’offrire la mensa agli ambulanti e celebrando la messa per disabili, malati e anziani. Alla cerimonia sono state invitate tutte le associazioni del settore, cui è anche dedicato il concerto dei Ladri di Carrozzelle.

Proposto e fortemente voluto da “L’Aquilone”, lo spettacolo musicale, dal titolo “Quello che non ti aspetti”, vedrà protagonista la bladri di carrozzelle concertoand romana che con il suo entusiasmo coinvolgerà il pubblico presente. Il tutto senza tralasciare di lanciare un messaggio profondo: la particolarità, infatti, della travolgente band è l’essere composta da persone con disabilità.

“La festa non è solo di chi e per chi sta bene - dichiarano dal Comitato Festa Patronale -  ma anche e soprattutto di chi soffre e sviluppa capacità eccezionali per affrontare le difficoltà di ogni giorno. Invitare “I ladri di carrozzelle” è un segno di apertura, di accoglienza, è la risposta ad un grido di aiuto in un momento di sofferenza globale. Dobbiamo essere solidali e costruire momenti di serenità, lasciando da parte le polemiche inutili e fini a se stesse. Ogni cosa ha un senso… ricordiamo che San Filippo era il Santo della gioia, non ha senso celebrarlo se non lo si conosce e se non prende esempio da lui. Non è un caso che abbia indossato il grembiule nelle sue peregrinazioni di Santo al servizio della comunità e della carità.”

Tornando a “I ladri di carrozzelle”, portati a Gioia negli anni passati da Gaetano Mele con il supporto dell'A.so.tu.dis. e altre persone in particolare Angela Girardi e Massimo Donvito, in un emozionante concerto in Piazza Plebiscito, ricordiamo che la disabilità è una “caratteristica” che non limita i ragazzi del gruppo, ma anzi li motiva a portare avanti un progetto ambizioso: diffondere, attraverso la musica, un’immagine nuova e insolita delle diverse abilità. L’iniziativa del concerto è promossa, inoltre, dal “Comitato Festa Patronale San Filippo Neri- Gioia del Colle”, Agos Ducato- Gioia del Colle, Tecno Town e Depa Ferramenta.

La Giornata della Solidarietà prevede, oltre al concerto, diversi appuntamenti: alle ore 18 in Piazza Plebiscito, si terrà la celebrazione eucaristica per gli anziani e gli ammalati, presieduta da Mons. Domenico Ciavarella e arricchita dalla presenza di numerose associazioni quali l’ASOTUDIS e l’AMASI. La Messa sarà, inoltre, preceduta dal classico appuntamento con il “Pranzo di San Filippo” per gli ambulanti, organizzato e curato dal centro di ascolto "Dal silenzio alla parola".

Commenti  

 
#4 ANTONELLA 2015-05-28 08:05
Questi ragazzi sono stati meglio di una star!
La loro gioia di vivere, , la loro semplicità, la serenità con cui affrontano la disabilità ci deve far riflettere. Siamo sempre alla ricerca di qualcosa (ricchezza, bellezza, fama, posizione sociale) e non ci rendiamo conto che tutto quello che può farci felice già ce l'abbiamo. Essere in salute è il dono più bello e ce lo insegna chi di salute ne ha poca.....
 
 
#3 MARISA/ 2015-05-27 22:04
Ieri pomeriggio c'è stato un grande evento nel cielo. Ho sentito il racconto di mio cugino che mi ha spiegato tutto. Io ero a casa non ho visto niente della festa per motivi di salute, ma quello che mi hanno raccontato, per me è un segno di benedizione sul nostro paese del Dolce e caro San Filippo. All'uscita della processione, il cielo era coperto di minacciose nuvole. Temevo che da un momento all'altro ci sarebbe stato un temporale (abito al quinto piano) e avevo di fronte il vortice nero che si avvicinava a Gioia, accompagnato dall'odore particolare di pioggia. Ebbene, arrivata la processione in piazza, il cielo si è allargato - in uno spazio di azzurro è comparso l'arcobaleno. Non era il solito, quello che noi solitamente osserviamo dopo una giornata di pioggia, ma aveva l'aspetto di un aureola, un'altra mia amica ha detto- sembrava un sorriso. Non so se qualcuno si sia accorto di questo segno speciale. Ma vi posso assicurare che io, credo fermamente che è stato un segno del nostro Patrono sul nostro paese. Sono innamorata di Padre Filippo e non è la prima volta che noto qualcosa. L'hanno scorso, stesso tempo nuvoloso con minaccia di pioggia; al momento della consegna delle chiavi dalla via Santeramo il cielo sfoderò un sole sul volto del Santo - io che ero accanto al negozio dell'ottica De Luca, non riuscivo a guardare il volto di San Filippo, c'era tanta luce che avevo bisogno di occhiali da sole. Feci notare questo fenomeno ad altre persone che erano accanto a me e anche loro sbigottiti mi guardarono per confermare ciò che io vedevo. Come si può non credere ai segni del cielo? - Ringrazio il nostro Patrono, cosa avrà voluto dirci? - secondo me, ci ha ringraziato per quelli che lo hanno onorato e lo fanno ancora con tanto amore e nello stesso tempo, per i nostri strani capricci, ci ha voluto dire:"State buoni se potete". Un caro saluto a tutti - WW SAN Filippo e la sua immensa bontà.
 
 
#2 occhio magico 2015-05-27 11:57
no comment.
 
 
#1 c.e. 2015-05-27 11:27
:-)
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI