Giovedì 19 Maggio 2022
   
Text Size

“STORIE PAZZESCHE” AL SEVEN CON IL “CINEMA INVISIBILE”

storie-pazzesche-cinema-invisibile2

storie pazzesche cinema invisibile Lunedì 9 e martedì 10 febbraio con la proiezione del film “Storie Pazzesche” di Damiàn Szifron si è aperta la Nona Rassegna del Cinema Invisibile, dedicata quest’anno alla professoressa Melina Procino.

Il film uscito nelle sale a dicembre 2014, prodotto da fratelli Almodovar e presentato alla 67a edizione del Festival di Cannes, lega tra loro sei storie attraverso il comun denominatore del desiderio di vendetta che coglie i protagonisti dei sei episodi che dopo aver subito torti e ingiustizie decidono di cedere a “l’innegabile piacere di perdere il controllo”, così lo stesso regista si esprime in un’intervista riferendosi a quel piacere che scaturisce dall’essere riusciti a compiere la propria vendetta.

Il primo episodio è ambientato su un aereo all’interno del quale a loro insaputa sono riuniti tutti coloro che hanno in qualche modo segnato negativamente la vita di un giovane musicista mancato che nel frattempo è diventato pilota ed ha deciso di vendicarsi dell’ex-fidanzata traditrice, del professore che ha stroncato sul nascere la sua carriera, dell’insegnante che gli dava sempre brutti voti, dell’ex-datore di lavoro che lo aveva licenziato e di tanti altri tra i quali i suoi genitori colpevoli di aver preteso troppo da quel figlio, dirottando il volo proprio nel giardino di casa dei suoi, mentre gli stessi erano lì a rilassarsi.

Nel secondo episodio una cameriera si ritrova a servire, nella tavola calda dove lavora, l’usuraio che anni prima ha costretto suo padre al suicidio, la cuoca propone alla ragazza di “insaporire” il piatto ordinato dall’arrogante cliente con del veleno per topi, la ragazza non è d’accordo ma la cuoca ha agito a sua insaputa e quando la ragazza lo scopre cerca in tutti i modi di portare via il piatto all’uomo che infastidito la insulta pesantemente. Alla fine la cuoca arriva in difesa della ragazza e mette l’uomo a tacere per sempre.

Protagonisti del terzo epstorie pazzesche cinema invisibileisodio due automobilisti, il primo elegante, alla guida di un bolide di lusso, l’altro un contadino che con il suo “catorcio” impedisce al primo di sorpassare e sfrecciare via, questo poi riesce nel suo intento e mentre sorpassa l’altro lo insulta a parole e gesti, poco dopo il guidatore del bolide è costretto a fermarsi per cambiare il pneumatico appena bucato, impacciato chiama il carro attrezzi e nell’attesa si cimenta nell’operazione di cambio. Nel frattempo sopraggiunge l’altro automobilista che accosta e scende dall’auto, il guidatore resosi conto del suo arrivo si chiude in auto per timore di una ritorsione del “rivale”, da questo momento il contadino mette in atto la sua vendetta e quasi distrugge l’auto dell’altro che dopo averne subito di ogni decide di vendicarsi a sua volta, questa decisione accende un duello all’ultimo sangue tra i due che si conclude con un pareggio forzato.

Il quarto episodio mostra la reazione “esplosiva” di un ingegnere stanco delle ingiustizie subite, nel giro di una settimana infatti gli viene portata via l’auto dal carro attrezzi per ben tre volte perché secondo la ditta che si occupa della rimozione l’auto si trovava in sosta vietata anche se la segnaletica era del tutto inesistente. All’ennesima rimozione l’ingegnere, che per lavoro tra l’altro demolisce edifici e quindi ha a che fare con l’esplosivo, si vendica a modo suo.

Protagonista del quinto episodio è un ragazzo storie pazzesche cinema invisibilefiglio di famiglia benestante, nel rientro a casa dopo una serata trascorsa a bere investe una donna e fugge via senza fermarsi. Una volta a casa sveglia i genitori e sotto shock racconta l’accaduto allora in men che non si dica il padre contatta l’avvocato di famiglia e insieme concordano la versione da dare alle forze di polizia che di li a poco sarebbero arrivate. Bisogna in tutti i modi evitare che il ragazzo possa essere incriminato, occorre trovare un colpevole, e il papà pensa al custode della loro villa, un povero uomo che dietro un adeguato risarcimento si sarebbe preso responsabilità non sue. Ovviamente c’è l’onorario dell’avvocato che cercherà di ingraziarsi il procuratore e quindi una ricompensa anche per lo stesso. Il padre del ragazzo una volta scoperto che l’amico avvocato vuole avere un tornaconto “maggiorato” decide di mandare tutto all’aria e di far confessare il figlio, ma riescono a farlo desistere e alla fine il custode tratto in arresto all’uscita di casa “incontra” il suo destistorie pazzesche cinema invisibileno.

Il sesto e ultimo episodio del film si sviluppa sulla scoperta del tradimento da parte di una sposa il giorno del suo matrimonio e per di più l’amante è tra gli invitati. La sposa disperata si vendica col primo che incontra sulla terrazza della sala ricevimenti, e una volta scoperta da suo marito promette di rendergli la vita un inferno. Tornata in sala decide di far continuare i festeggiamenti, e di vendicarsi pesantemente dell’amante di suo marito, scatenando così l’ira dello stesso che armato di coltello si dirige verso la torta e ne mangia un pezzo prima di avvicinarsi a sua moglie e inaspettatamente baciarla appassionatamente e non solo, tra lo sconcerto e lo stupore degli invitati che man mano vanno via.

Un film “forte” in tutti i sensi, che tiene sempre in costante tensione, che non sai mai dove i protagonisti possano andare a parare. Unisce la commedia alla tragedia, ma allo stesso tempo fa riflettere sulle conseguenze, anche se esasperate, che possono scaturire dalle ingiustizie o torti subiti.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.