Giovedì 19 Settembre 2019
   
Text Size

EVENTO ISABELLA CAPOZZI. GRANDE VALENZA CULTURALE-foto

Isabella Capozzi

irene martino con isabella capozzi“Quando ho saputo della pubblicazione della silloge poetica di Isabella Capozzi – data dalla vittoria del I premio ‘Talento da poeta’ avuto presso il Palazzo della Provincia – sono stata davvero molto felice, perché è stata la dimostrazione di come in Italia si possa ancora riconoscere il talento … perché è stata la conferma di come il prodotto non può che essere eccellente, quando vi è dietro un’autentica ispirazione […]”.

In questi termini si esprime la professoressa Irene Martino – curatrice della prefazione dell’opera prima della poetessa gioiese Isabella Capozzi, ‘Ho visto la poesia morire’ (Secop Editore) –, in occasione della presentazione della stessa, presso Palazzo Romano, gentilmente messo a disposizione della cultura dall’avv. Lucio Romano, nella settlibro isabella capozziimana dal 15 al 22 dicembre.

La professoressa Martino, con grande maestria, parte da Leopardi ed arriva a Montale. Parte dal ‘Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica’ del poeta recanatese, nel quale c’è l’asserzione della morte della poesia, e arriva al discorso, fatto in occasione del Nobel alla letteratura, di Montale, nel quale il poeta genovese si chiede che senso abbia nel presente la poesia.

La poesia in questa società che tracima se stessa, rappresenta quasi un baluardo ultimo. Per dirla con Montale” – continua la professoressa – “la poesia rappresenta l’unica possibilità che si ha disabella capozzi libro poesiei eternare se stessi, nella speranza di poter lasciare una riflessione […]”.

E la poesia della giovane poetessa gioiese ne risulta pienamente capace: “Oltre ad una straordinaria capacità di parola, la poesia di Isabella vuole indagare il senso dell’esistenza e le fragilità umane … Non è una poesia dolorosa, ma vi è una lucida consapevolezza dell’infelicità”.

Irene Martino parla di una disperazione della calma. Rileva, inoltre, i giochi linguistici, la continua polisemia, e le molteplici figure retoriche: allitterazioni, paronomasie, metafore. Rileva come la poesia di Isabella Capozzi non sia una poesia che evoca una isabella capozzi libro poesietrascendenza, ma immanenza, di come sia una poesia estremamente sensoriale, fisica, istintiva.

E alla domanda sulla fisicità della parola, Isabella risponde: “la fisicità nelle mie poesie è molto importante, perché si ritrova soprattutto in quelle liriche fortemente emotive […]. D’altronde il corpo è il mezzo fondamentale per rapportarci con gli altri […]”. In riguardo cita una delle sue poesie ‘Letto del fiume’ – interpretata, durante l’evento, da Giovanna Carelli –, che sottolinea l’utilizzo del corpo per una totale confusione con l’altro.

Si pone l’attenzione anche sul concetto della bellezza, sul quale la giovane poetessa afferma: “Credo che attualmente si abusi del termine bellezza. Per me la bellezza nasce nel primo atto di verità ... È un concetto complesso e fragile: è un qualcosa di metafisico. La bellezza è doppiaisabella capozzi libro poesie: a volte è salvifica, a volte deve essere salvata. […] Sono alla continua ricerca della bellezza e vorrei che le mie poesie fossero bellezza per qualcuno”.

L’evento, infine, è stato organizzato in collaborazione dell’associazione gioiese SIC! ProgettAzioni Culturali – che ne hanno curato la comunicazione – e La Librellula. In proposito i ragazzi di SIC hanno voluto ringraziare l’avv. Lucio Romano per la disponibilità nell’aver inserito l’evento, nonostante il cartellone fosse stato già delineato, “Ci piaceva l’idea di poter introdurre in questa grande manifestazione culturale – che parte dalla tematica della violenza sulla donna – una giovane donna e poetessa gioiese”.

Un incontro culturale dalla grande valenza dato dall’estro artistico di una raffinata e particolare scrittrice. [foto Mario Di Giuseppe]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.